Trentino e Val d'Aosta: si scia in anticipo, impianti aperti

Piste aperte: nevicate e calo della temperatura consentono di sciare in alta quota e in diversi comprensorio dove è antato in funzione l'innevamento artificiale

Chi non vede l’ora di mettere gli sci ai piedi, può farlo in Trentino, dove alcuni impianti sono già entrati in funzione. Dopo la nevicata della scorsa settimana, infatti, il ghiacciaio Presena, in Val di Sole, è stato il primo ad inaugurare la stagione sciistica. A Madonna di Campiglio l’apertura anticipata è prevista per oggi e domani, poi la stagione entrerà a pieno regime, senza interruzioni, da sabato 29 novembre o dal 4 dicembre. Per quanto riguarda le restanti zone sciistiche, grazie alle basse temperature, sono entrati in funzione da una settimana i sistemi di innevamento programmato, che garantiranno l’apertura di quasi tutte le piste a partire dal prossimo 29 novembre, o, al più tardi dal 4 dicembre. Vale per la maggior parte degli impianti sciistici nel Comprensorio Skirama Dolomiti Adamello Brenta (Pinzolo in Val Rendena, Folgarida-Marilleva, Pejo, Passo del Tonale in Val di Sole, Andalo-Fai della Paganella, Monte Bondone e Folgaria-Lavarone) e per quelli del Dolomiti Superski (Val di Fassa - Carezza, Moena - Tre Valli, Val di Fiemme e San Martino di Castrozza - Passo Rolle).

Sulle piste anche in Val d'Aosta Dalla notte scorsa nevica su alcune località della Valle d’Aosta, in particolare nel settore nord e grazie alle nevicate in quota dei giorni scorsi e le basse temperature notturne, che hanno permesso l’innevamento programmato, alcune stazioni hanno aperto anticipatamente gli impianti sciistici. Dopo Breuil Cevinia nei fine settimana si scia anche nel comprensorio Gressoney-Alagna, mentre l’apertura generale è per sabato 6 dicembre.