Trentino, Pasqua fra sci e natura

L’avvicinarsi della Pasqua invita a programmare qualche giorno di vacanza il Trentino, offre molte opportunità all’insegna del relax, della neve e dei primi raggi di sole primaverili. Gli appassionati di sport invernali potranno contare su piste perfette. Le temperature, che si mantengono miti, unite alle abbondantissime precipitazioni che hanno caratterizzato questa stagione, garantiscono infatti un manto nevoso ottimale in tutte le stazioni.

Per chi ama discesa e slalom ci sonocirca 800 chilometri di tracciati, skipass tecnologicamente avanzati, due soli circuiti (serviti da circa 300 impianti all’avanguardia) che coprono quasi tutta la provincia. A rendere il tutto ancora più interessante vi sono offerte e pacchetti che permettono di gustare appieno il Trentino. A cominciare dalle promozioni valide fino a metà aprile, di DolomitiSuperSki e DolomitiSuperSun, proposte dal carosello Dolomiti Superski (www.dolomitisuperski.com), che comprende Val di Fassa - Carezza, Moena - Tre Valli, Val di Fiemme e San Martino di Castrozza - Passo Rolle.

Il primo pacchetto si rivolge a quanti intendono prenotare un soggiorno di 7 giorni, pagandone però soltanto 6. Allo stesso modo viene offerto lo skipass per 6 giorni al prezzo di 5. La seconda, invece, ha come protagonisti i più piccoli: per i bambini fino agli 8 anni (nati dopo il 29/11/2000) lo skipass e l’alloggio sono in omaggio se abbinati all’acquisto di questi servizi da parte di un adulto. Sconti si annunciano anche per le lezioni di sci, il noleggio dell’attrezzatura e gli skipass per i ragazzi under 12, nati cioè dopo il 29/11/1998. Paganella, Monte Bondone e Folgaria - Lavarone) propone numerose offerte adatte a tutta la famiglia.

Cosa c’è di meglio, dopo aver fatto qualche discesa sugli sci, di rilassarsi ed abbronzarsi al sole? Le grandi terrazze solarium dei rifugi in quota sono facilmente accessibili perché spesso situate in prossimità delle funivie e da lì ci si può godere il primo sole primaverile. Le Pale di San Martino si possono ammirare dal rifugio "Tognola", raggiungibile direttamente in telecabina dall’abitato di San Martino di Castrozza, a quota 2.200. In cima al Sass Pordoi c’è la terrazza del "Rifugio Maria", dalla quale si può volgere lo sguardo a sud, sulla Marmolada e sul Gran Vernel, ad est, sulle Tofane e sulla cima Antelao, oppure ad ovest verso le pareti del massiccio del Sella e del Sassolungo. Il Brenta si può apprezzare da molti rifugi. Il versante orientale si vede dal "La Roda", situato sulla vetta della Paganella: da qui, nelle giornate più terse, si riesce a scorgere perfino il Lago di Garda. A Pinzolo dal rifugio del "Dos del Sabion" si ammirano contemporaneamente le pareti della catena centrale del Brenta ed i ghiacciai del Gruppo dell’Adamello.

La terrazza più "di tendenza" e frequentata da molti vip, personaggi noti del mondo dello sport e dello spettacolo, è quella del rifugio "Boch" sopra Madonna di Campiglio. Nella ski area di Folgarida-Marilleva i patiti della tintarella possono accomodarsi sulle sdraio dell’Orso Bruno. E al cospetto della Presanella, sempre in Val di Sole, al passo Tonale, con la seggiovia si può comodamente raggiungere il "Valbiolo".

E per un pranzo o una cena particolare, immersi nella natura, l’ideale è sostare in uno dei numerosi rifugi, raggiungibili in motoslitta oppure con le racchette da neve ai piedi. In queste particolari strutture i pasti sono un vero e proprio viaggio fra i profumi ed i sapori della tradizione locale.

Per quanti invece amano i salti e le acrobazie con la tavola, non c’è che l’imbarazzo della scelta. A disposizione ci sono infatti una decina di snowpark distribuiti su tutto il territorio: a Madonna di Campiglio, a Marilleva, al Passo del Tonale, a San Martino di Castrozza, al Passo Rolle, a Pampeago, a Canazei, a Passo San Pellegrino, al Passo del Brocon e infine sul Monte Bondone.

Non si può dimenticare il Super Nordic Skipass, un circuito che riunisce ben 19 centri del fondo, per un totale di 1.200 chilometri di piste, fra Trentino, Veneto ed Appennino Modenese. Un paradiso dello sci nordico, al quale si può accedere con un’unica card, articolato per il Trentino nelle strutture delle Viote-Monte Bondone, Lago di Tesero, Passo Lavazè, Passo San Pellegrino, Passo Cereda, San Martino di Castrozza, Passo Coe, Millegrobbe-Lavarone, Passo Campo Carlo Magno-Campiglio e Vermiglio.