Trezeguet e Alex, pace in tv

Il numero 10: «Ho sentito Boniperti, quando lo supererò berremo una bottiglia di champagne»

Alessandro Parini

da Torino

Se non si sono messi d’accordo prima, la recita è riuscita benissimo. Perchè David Trezeguet e Alessandro Del Piero (110 gol con la Juve il primo, 180 il secondo) martedì sera, contro il Bruges, non si erano piaciuti. E il francese, in assenza dello squalificato Ibrahimovic, non aveva nascosto il proprio disappunto: «Non mi sono divertito, dovremo parlare di un po’ di cose anche con Capello». Ieri, dopo avere affossato il Treviso ed essersi dati il cambio con un abbraccio accennato, i due si sono presentati davanti a taccuini e telecamere per raccontare il proprio punto di vista. Ha iniziato il francese: «Io e Alessandro ci conosciamo da quasi sei anni e siamo legati da un rapporto che va oltre quello professionale. Di lui ho stima sia come calciatore che come uomo: insieme ne abbiamo viste tante e siamo passati in mezzo a mille avventure, compreso il ko di Manchester contro il Milan nella finale di Champions. Dopo il Bruges ero arrabbiato con me stesso, per non essere riuscito a dare quello che volevo e non avere saputo aiutare Alex: lui vuole superare Boniperti esattamente come io volevo superare Platini. Poi, in campo capita anche di mandarsi a quel paese: ma sono cose che capitano a finiscono lì. Il calcio è passione e sentimento, non dimentichiamolo». Poi, la versione fotocopia di Del Piero: «Non abbiamo fatto la pace semplicemente perché non abbiamo mai litigato. Ci conosciamo da una vita: i litigi ve li siete inventati voi». Come non detto, allora. E Del Piero che, con il gol di ieri, ha avvicinato ulteriormente Boniperti (182) al primo posto nella classifica marcatori tutti tempi della Juve: «L’ho sentito un paio di giorni fa. Quando lo supererò, stapperemo insieme una bottiglia di champagne e lo ringrazierò per avermi portato alla Juve».