Trezzano sul Naviglio Con l’arma del papà spara al fratellino: sfiorata la tragedia

Insieme al fratellino più grande ha trovato la pistola del padre e giocandoci, accidentalmente, gli ha sparato. Il bimbo ferito, 11 anni, si è salvato per miracolo: il proiettile gli ha sfiorato il mento, gli ha trapassato il collo e lo ha colpito alla spalla senza ledere punti vitali. L’episodio è avvenuto a Trezzano sul Naviglio, e costerà al padre l’iscrizione nel registro degli indagati per incauta custodia dell’arma e per lesioni colpose. Un’ipotesi, quest’ultima, destinata a cadere in mancanza di querela. I due fratellini hanno trovato l’arma legalmente detenuta dal padre nella camera da letto dei genitori. In casa non erano soli, ma in quel momento un domestico che li aveva in custodia si trovava nel giardino dell’abitazione. Maneggiandola incuriosito, il più piccolo dei due fratellini ha fatto partire un colpo che ha colpito l’undicenne al mento, al collo e a una spalla. Il bambino è stato portato al pronto soccorso del San Paolo. Con lui, i genitori disperati. I medici hanno constatato subito che miracolosamente il proiettile non aveva lesionato organi vitali.