Trial Proposta di legge di Forza Italia per regolamentare le competizioni

Regolamentare la disciplina del Trial, una specialità del motociclismo fuoristrada, trasformandolo in uno strumento di valorizzazione del territorio Ligure, in particolare dall'entroterra. Questo è l'intento della proposta di legge presentata dal gruppo Forza Italia . Fino ad oggi la disciplina del Trial in Liguria non ha una sua specifica regolamentazione. «Questa, a nostro avviso, rappresenta una grossa lacuna- spiega il consigliere azzurro Pietro Oliva-, in quanto il Trial, è una disciplina sportiva che non si fonda sulla velocità, ma sulla capacità del motociclista nell'effettuare percorsi impervi».
Secondo la proposta di Forza Italia la circolazione fuoristrada di ciclomotori da Trial è consentita anche nelle cave dimesse o, se operative, dietro autorizzazione dei concessionari o dei proprietari rilasciata ai conducenti interessati, direttamente o tramite associazioni affiliate alle competenti federazioni sportive. Vige, naturalmente, divieto di circolare nelle aree inserite in parchi e riserve naturali, aree protette, sistemi di interesse naturalistico-ambientale istituiti con legge regionale, nonché le aree comprese nei sistemi del Finale e delle Alpi Liguri. L'individuazione delle aree e dei tracciati da destinare alle prove di Trial, all'attività turistica, sportiva o ricreativa viene assegnata al singolo Comune, se la porzione di terreno interessato ricade nel territorio del singolo ente. In caso contrario la competenza è delle Comunità Montane. Grazie a questa legge, si forniscono specifici strumenti amministrativi alle pubbliche amministrazioni che vogliono consentire lo svolgimento di manifestazioni Trialistiche nel loro territorio, senza contraddire alla normativa vigente in materia.