«Triboniano, i rom non rispettano il patto»

Almeno venti-trenta famiglie rischiano lo «sfratto». La situazione, ammette il vicesindaco De Corato, «non è soddisfacente, a settembre daremo una stretta e molti se ne dovranno andare». Dopo un anno e mezzo da quel patto di legalità con cui i rom di via Triboniano si impegnavano a trovare un lavoro e mandare i figli a scuola, troppi hanno trasgredito e scattano le verifiche. L’assessore Moioli assicura che tanti si sono anche integrati e lavorano, ma proprio per questo «ora possono pagarsi una casa in affitto». E De Corato scrive al prefetto perché convochi un tavolo: «Basta coi rom mandati ai domiciliari nei campi, è un pessimo esempio per gli altri».