Il Tribunale assolve il Comune: «Regolare lo sgombero dei rom»

Nessuna discriminazione. Il Comune di Milano non è razzista. A sentenziarlo il tribunale che ha respinto il ricorso presentato da 29 rom allontanati dal campo di san Dionigi che avevano chiesto anche il risarcimento di 800 euro a testa e la condanna dell’amministrazione al pagamento delle spese legali. «Una chiara risposta - il commento del vicesindaco Riccardo De Corato alla notizia del pronunciamento - ai tanti buonisti e benaltristi che hanno continuato ad imputare al Comune comportamenti razzisti. Come hanno fatto ancora oggi alcuni giornalisti e fondisti che accusano di lanciare inefficaci minacce per alleviare il senso di insicurezza dei milanesi. L’amministrazione comunale non agisce in base a teoremi, ma risponde alle esigenze dei quartieri e a problemi concreti e urgenti». Già nel 2006, infatti, l’Asl aveva chiesto al sindaco l’adozione di provvedimenti urgenti a causa delle pessime condizioni del campo. (...)