Tribunale, debiti record

A mancare non solo i soldi per il personale, la cancelleria e gli interpreti. Il tribunale ora rischia di fare i conti anche con un «black out» tecnologico. Le ditte che forniscono alla Procura i servizi informatici, infatti, hanno minacciato di interrompere ogni tipo di assistenza se - entro la fine del mese - non verrà pagato il debito accumulato: circa 48 milioni di euro per software, hardware, stampanti e affini. Il conto alla rovescia è iniziato. In alternativa si dovrà sperare di non essere «abbandonati» dai pc, o confidare nelle doti di «fai da te» del personale del Palazzo di giustizia.