Tributo Il business si inchina al dolore

Anche gli affari. Anche la solitamente imperturbabile mano invisibile che a nulla bada tranne che a produrre, vendere e far soldi, si inchina al dramma dell’Abruzzo. Oggi, in occasione dei funerali delle vittime, l’Italia dell’economia, delle banche, del commercio, si fermerà, per testimoniare la vicinanza al dolore degli abruzzesi. E come i tricolori di ogni edificio pubblico italiano che sventoleranno a mezz’asta nel giorno del lutto nazionale, così i commercianti abbasseranno a metà le serrande dei loro negozi. «È una situazione molto triste - ha affermato Lino Enrico Stoppani, presidente della Fipe, una delle tante associazioni di categoria promotrici dell’iniziativa -. Vogliamo dare un piccolo segnale di vicinanza a persone che soffrono, con le incertezze, le difficoltà e gli stati d’animo propri di queste situazioni». Non solo piccoli alimentari: anche il colosso a stelle e strisce dei panini, McDonald’s, aderirà all’iniziativa. E mentre da Trento a Palermo il business chinerà la testa per le strade, scomparirà del tutto dalla tv di Stato. Per tutta la giornata le reti Rai non trasmetteranno spot: viale Mazzini ha modificato appositamente la programmazione prevista e ha eliminato le interruzioni pubblicitarie.