Tricastin, nuovo allarme alla centrale nucleare

Altra fuga radioattiva dal reattore numero 4 dell'impianto francese. Sono 127 gli impiegati evacuati, 45 sono ricoverati in infermeria. Per Edf non c'è stato nessun incidente: "Allarme scattato per errore"

Parigi - Ancora un incidente a Tricastin. Nell'impianto del Sud della Francia, a 40 chilometri da Avignone, oltre 100 impiegati sono stati sgomberati a causa dell’allarme lanciato dopo una nuova fuoruscita di polvere radioattiva dal reattore numero 4. Lo hanno riferito fonti concordanti. Sulle 127 persone sgomberate, 45 sono state condotte nell’infermeria. Due operai presentano "tracce estremamente deboli" di radioattività definite "non significative". "Siamo al di sotto della soglia" ha rassicurato Jean Girardi, un ingegnere della centrale che ha parlato con la televisione privata Lci. Secondo la compagnia elettrica Edf, questa fuoruscita di polveri non ha alcuna incidenza sulla salute del personale interessato. Sono in corso indagini per individuare le cause dell’incidente che si è prodotto verso 9.30 di oggi nell’edificio del reattore numero 4, attualmente fermo per manutenzione.

Smentita "Nella centrale di Tricastin non c’è stato nessun incidente, un allarme è scattato accidentalmente e l’evacuazione è stata automatica" ha detto un portavoce di Edf, che gestisce il sito nucleare.

Precedenti Negli ultimi giorni la centrale di Tricastin ha destato allarme: il 23 luglio scorso cento dipendenti sono stati "leggermente contaminati" con radioelementi fuorusciti da un condotto sempre dal reattore numero 4. Il 7 luglio scorso per errore sono stati riversati 74 chili di uranio in due fiumi.