Tridente con incognita per sfondare il muro di un Arezzo bunker

A sostenere il Genoa 350 bambini della scuola del tifo rossoblù

Luca Russo

Sulle maglie del Genoa oggi ci sarà il nuovo sponsor «Eurobet.it» il colosso inglese delle scommesse on line, ma solo all'ultimo si conoscerà su chi avrà puntato Gian Piero Gasperini per sostituire Sculli squalificato. Contro l'Arezzo la squadra rossoblù potrebbe anche agguantare la vetta, complici i rinvii di alcune partite, e allora il tecnico di Grugliasco si è riservato di decidere solo all'ultimo per completare un reparto chiamato ad un'impresa particolare: forzare il bunker toscano che in cinque partite ha subito solo due gol. «Sono tre le soluzioni in ballo e ci voglio riflettere su - ha commentato Gasperini a Pegli - Aurelio, Fabiano e Rossi: è inutile girarci intorno, sono loro tre i candidati a ricoprire quel ruolo». Che poi di fatto sono gli ultimi tre giocatori con prospettive offensive che restano in rosa. Perché se è vero che Figueroa è stato convocato nei venti che si sono ritrovati nel ritiro genovese così come il giovane Martucci, ma è da considerarsi molto remota una sua presenza in panchina, Zeytulaev è impegnato con la sua nazionale così come il promettente Diogo Tavares partito per rispondere alla convocazione dell'under 20 portoghese.
Un dubbio però alla fine Gasperini lo scioglie, quello del portiere. «Giocherà Barasso - ha dichiarato - Era stato detto all'inizio della stagione che lui sarebbe partito titolare. Sia lui che Rubinho hanno qualità e nei valori, ora come ora, si equivalgono abbastanza: Barasso però non deve completare l'ambientamento». E la gerarchia tra i pali sembra finalmente tracciata con decisione, almeno per ora.
E allora ecco Genoa - Arezzo, sfida tra chi segna tanto, i rossoblu, e chi invece proprio la rete non la riesce a gonfiare, gli amaranto, capaci di andare in gol solo alla prima giornata con Floro Flores contro il Mantova. «Non so se sarà una bella partita - ha aggiunto Gasperini - Dipenderà anche dall'atteggiamento dei nostri avversari, la cui classifica non rispecchia la dimensione del potenziale a disposizione. Pesano i tre rigori sbagliati, ma hanno ottimi giocatori e non penso solo a Floro Flores che è sulla bocca di tutti. A noi serviranno delle giocate di qualità, attenzione e disponibilità da parte di ogni giocatore».
E anche il suo collega, Antonio Conte, sembra allinearsi sulle difficoltà del match. «La nostra squadra cercherà di ribattere colpo su colpo il Genoa in una partita che si prospetta molto difficile - ha dichiarato l'ex juventino - sia per il valore dell'avversario che per il clima che troveremo allo stadio».
L'ultima vittoria del Genoa sull'Arezzo risale al 13 marzo 2005. La squadra promozione di Cosmi con una doppietta di Stellone e la rete di Milito stese i toscani che realizzarono la rete della bandiera con Spinesi. Intanto sul fronte della tifoseria c'è da segnalare il successo di adesioni che ha raccolto la scuola del tifo «Genoa Club For Children» lanciata dall'Associazione Club Genoani in collaborazione con la società rossoblù. Saranno infatti almeno 350, senza contare le adesioni che potranno essere sottoscritte oggi prima della partita, i bambini che si andranno a sistemare nel settore '5' della tribuna superiore, la fetta di tribuna più vicina alla Nord, per sostenere il vecchio Grifo di fronte alle telecamere di «Rai International» che trasmetteranno il match in tutto il mondo.