Triora, processo alle streghe

Federico Marchi

Svoltata l'ultima curva, Triora ci accoglie avvolta da una densa nebbia, apparsa improvvisamente ed inimmaginabile fino a pochi metri prima. Ciò quasi a testimoniare l'alone di mistero e di occulto che caratterizza il paese della valle Argentina, nell'Imperiese, reso famoso dalle sue streghe. Ed è infatti per questo motivo che ci rechiamo proprio a Triora, dove ha luogo la presentazione di un nuovo saggio e del volume che raccoglie il premio letterario sul tema delle streghe, o meglio, delle bàzure come le chiamano da queste parti.
A rendere ancora più suggestiva l'occasione è la storia del luogo prescelto, l'albergo Colomba d'Oro. Si tratta infatti di un ex convento francescano, costruito nel 1608, di cui sono ancora visibili le antiche volte. Bene è proprio in questa cornice che è stato presentato il saggio «Triora anno domini 1587, storia della stregoneria nel ponente ligure», edito dalla De Ferrari, dell'autore milanese Ippolito Edmondo Ferrario divenuto uno dei principali esperti di streghe e di Triora. Anche attraverso l'analisi di studi precedenti, è stato ricostruito il famoso processo, avvenuto la vigilia del 1600, in cui vennero coinvolte 200 donne di Triora, su una popolazione totale di 2500 persone. Molte di queste presunte streghe morirono di stenti per le torture, una si suicidò e di tredici invece si persero le tracce dopo il loro trasferimento nelle carceri di Genova.
Si tratta solo dell'ultima fatica, in ordine di tempo, di Ippolito Edmondo Ferrario incentrata su Triora e sulle sue streghe, durante la serata l'autore ha infatti ricevuto dal sindaco Lorenzo Lanteri la cittadinanza onoraria. È stato poi lo stesso Ferrario a curare il premio letterario «Triora, terra di streghe», di cui è stato presentato il volume, anche questo edito dalla De Ferrari, contenente 14 racconti ed una brillante ballata introduttiva dello scrittore Andrea G. Pinketts. A rendere ancora più degno di rispetto questo concorso è la sua finalità, il ricavato andrà infatti a favore del progetto umanitario «Una strega per un sorriso» che dal 2004, in collaborazione con la Lega Italiana per la Lotta Contro i Tumori di Milano, regala soggiorni di vacanza gratuiti a bambini malati di tumore e alle loro famiglie proprio a Triora.
Ippolito Edmondo Ferrario, Triora anno domini 1787, storia della stregoneria nel ponente ligure, De Ferrari Editore, Genova 2005, 261 pagine, 15 euro.