Tripoli senza pace I gheddafiani sparano ancora

Tripoli I lealisti al deposto regime di Gheddafi è tornato a sparare nella capitale libica Tripoli. È accaduto nel quartiere di Abu Slim, noto per la sua fedeltà al Colonnello. Si tratterrebbe di un gruppo stimato tra le 20 e le 50 persone armate, comparse improvvisamente nelle strade gridando slogan e agitando bandiere verdi: subito dopo sono accorse le forze del Cnt ed è iniziato uno scontro a fuoco, terminato in serata con un bilancio di otto feriti. Si tratta dei primi scontri a fuoco avvenuti a Tripoli dalla sua caduta nelle mani dei ribelli lo scorso 23 agosto.
Continua intanto la fuga di Gheddafi nel sud desertico della Libia. Il raìs è in continuo movimento, e ha lasciato la città-rifugio di Sebha. Protetto dai tuareg e in possesso di oro, avrebbe accesso a depositi di armi (anche chimiche) in passato disseminati sul territorio: per questo Obama ha inviato in Libia una squadra di specialisti alla loro ricerca.