Tris d’assi rossoblù: Parisi, Paci, De Ascentis

Il Genoa nello scambio con il Messina ha ceduto il portiere Massimo Gazzoli E da Palermo si offre Brienza

Luca Russo

Il Genoa sul mercato c'è e in un giorno batte tre colpi. Tre nomi che erano nell'aria, tre nomi che fanno intendere come la società rossoblù abbia intenzione di recitare un ruolo da protagonista anche negli acquisti. E allora ecco Alessandro Parisi, Diego De Ascentis e Massimo Paci. La perla è sicuramente rappresentata dall'esterno sinistro del Messina in grado di garantire spinta e qualità su tutta la fascia. Parisi, 28 anni compiuti ad aprile, arriva dopo due anni sullo Stretto e dopo essere finito nell'orbita Juve. Eclettico, in grado di difendere ma anche di spingere totalizzando venti reti negli ultimi due campionati, il giocatore arriva a Genova con la formula della compartecipazione e con un contratto triennale. «Arrivo in una grande piazza, in un club prestigioso con programmi ambiziosi», ha dichiarato a caldo il calciatore. La sua partenza da Messina ha provocato dissapori negli ambienti giallorossi dove il giocatore era ben visto. Dissapori accentuati dal fatto che la società non ha fatto più di tanto per trattenere il terzino. Dal canto suo però Preziosi ha insistito molto per l'acquisto del giocatore facendo un'offerta importante al presidente Franza: si tratta di tre milioni di euro più la comproprietà di Gazzoli mentre resta congelato il trasferimento sullo stretto del capitano rossoblu Tedesco. «Preziosi era felicissimo di farmi firmare - ha commentato -. Un entusiasmo che avevo dimenticato». E così Guidolin, ieri impegnato in bici nella scalata del Galibier prima che passasse il Tour de France, si è ritrovato in un giorno solo tre nomi nuovi per la prossima stagione. E una «proposta» quella di Franco Brienza, l’esterno del Palermo che si sente chiuso e non considerato dal nuovo tecnico Del Neri. Per questo si è offerto al Genoa del suo ex maestro Guidolin. E intanto ecco Diego De Ascentis, roccioso capitano del Torino promozione, arrivato a Genova dopo essersi svincolato. Il giocatore, 29 anni, ha raggiunto con la società rossoblù un accordo biennale. Sarà il mastino del centrocampo del nuovo Genoa con tanti rimpianti da parte dei granata che lo avevano individuato come uomo simbolo dopo cinque anni di militanza. Infine Massimo Paci, 26 anni in arrivo dalla Ternana. Il suo contratto è stato depositato in Lega con la formula della compartecipazione per la durata di tre anni. Paci, un metro e ottantacinque di altezza, arriva al Genoa, dopo una non esaltante parentesi in prestito a Lecce e con la voglia di riscattarsi e di contraccambiare la fiducia ripostagli da Stefano Capozucca che lo ha voluto in rossoblu memore delle due buone stagioni a Terni fatte di 65 presenze e due goal. E l'asse Liguria-Umbria potrebbe portare ad altri affari. Il direttore generale rossoblu sta cercando di portare a Genova altri due suoi pupilli Kharja e del fantasista cileno Jimenez. Trattative che potrebbero sbloccarsi già prima del raduno in programma sabato. Nel mercato in uscita oltre a Gazzoli c'è infine da registrare la cessione in prestito del brasiliano Anderson al Treviso. Voci infine dalla capitale, sponda Lazio, darebbero come molto probabile lo scambio Behrami (in comproprietà con il Verona, ndr) - Muzzi. Intanto si mantiene elevatissima la voglia di Genoa nella tifoseria, a giudicare dai dati che affluiscono alla segreteria in termini di abbonamenti venduti. Nella sola mattinata di ieri sono state staccate più di 250 nuove tessere. Un dato significativo e al di là delle più ottimistiche previsioni, tant'è che il numero globale ha superato la quota di 13.300 e la cifra (14.733) raggiunta nell'ultima stagione si fa sempre più vicina. La frenetica corsa è sintomatica del desiderio di assicurarsi con largo anticipo il posto allo stadio, prima che le opzioni possano ulteriormente assottigliarsi e degli imminenti annunci di nuovi acquisti, destinati a gettare altra benzina sul fuoco dell'entusiasmo.