La tristezza sul web di Lady Bocchino

Sarà per il gossip che coinvolge suo marito, sarà per le tensioni legate alla politica. Sarà quel che sarà ma Gabriella Buontempo, consorte del finiano Italo Bocchino, è molto infelice. Il suo sfogo sulle pagine di Facebook (la bacheca è visibile anche a chi non è suo «amico») pesca dalla migliore letteratura sentimental-tragica: «Come dice Dorothy Parker tanto vale vivere, come dice la poesia lentamente, lentamente muore chi non vive le proprie emozioni. Che sta a noi vedere il lato positivo. Tramutare i dolori in gioia». E ancora: «Abbiamo perso ancora questo crepuscolo. Io ti ricordavo con l’anima stretta da quella tristezza che tu mi conosci». Tra Garcia Lorca e Thomas Jefferson la Buontempo si congeda così: «Ognuno di noi ha diritto alla ricerca della felicità? Ed io quella voglio. Per me e le persone a me più care. Costi lacrime e sangue, pura». Ma Italo ci va, su Facebook?