Trofeo Karol Wojtyla atto secondo, i giallorossi iniziano vincendo

Mario Cappelli

Trofeo Karol Wojtyla atto secondo. Dopo il clamoroso successo della prima edizione, giocata sulla scia emotiva della dolorosa scomparsa del Pontefice, è iniziata ieri, e proseguirà fino all’11 aprile la seconda edizione, dedicata alle squadre Primavera. Il torneo, promosso dall’assessorato allo Sport della Provincia di Roma e della Regione Lazio, è iniziato a Fiuggi con la Roma che ha affrontato i bulgari del Botev Plovdiv: per i giallorossi vittoria per 2-0 davanti alla madrina della manifestazione Suor Bertilla. A sancire l’inizio della manifestazione il messaggio inviato dall’arcivescovo oggi cardinale Stanislao Dziwisz, da sempre vicino a Giovanni Paolo II. La Roma schierava Bianchini e Cerci ma lamentava tante assenze dei più forti Primavera, a cominciare da Okaka, ormai sempre più frequentemente alle dipendenze di Spalletti. La Roma ha trovato il gol del vantaggio con Cerci per poi gestire agevolmente la partita senza correre grandi pericoli nella ripresa. Il raddoppio è stato siglato dal capitano Greco, che ha trasformato un calcio di rigore concesso per un fallo ai danni di Giacomini. Proprio Cerci e Giacomini, tra i migliori in campo, sono stati convocati da Spalletti nella prima squadra che sarà impegnata oggi a Firenze. Teatri del torneo sono alcuni campi della regione: oltre a Fiuggi, si gioca a Frascati, Valmontone, Segni e Albano. Le finali si disputeranno a Valmontone: quella valida per il terzo posto il 9 aprile, mentre la finalissima si giocherà l’11 aprile allo Stadio Flaminio di Roma, proprio dove l’anno scorso la Roma vinse battendo la solita rivale Juventus, sotto gli occhi di Ciro Ferrara e Zibì Boniek. Anche quest’anno sono dodici le squadre al via, sei italiane e sei straniere. Roma, Lazio, Napoli, Bologna, Fiorentina e Messina sono le formazioni che difenderanno i valori nazionali. Le squadre straniere sono, oltre ai bulgari del Botev Plovdiv, gli sloveni dello Svoboda Ljubljana, i polacchi del Maloposka Z.p.n, i romeni del Rapid Bucarest, i belgi del Ksvr Roeselare e gli israeliani dell’Hapoel Nazareth. La manifestazione, è sponsorizzata tra le altre aziende dalla Intermatica e dalla Operazione Salvacuore che intende combattere la cardiopatia ipertrofica familiare.