«Troppe auto in strada», ma cala lo smog

Il primo bilancio del blocco del traffico scattato ieri parla di polveri sottili in calo ovunque (dovrebbero rientrare nei limiti in provincia, non in città) e di proteste dei cittadini per «le troppe auto in strada e i pochi controlli dei ghisa». Gli agenti ricordano che le pattuglie in servizio erano le stesse delle altre domeniche a piedi. A fine giornata, i veicoli controllati sono stati 4.411, molti meno delle domeniche a piedi dello scorso inverno (erano state 7.111 lo scorso 5 febbraio, più di 8mila sia il 7 gennaio sia il 13 novembre del 2005). Critiche alla Regione vengono mosse invece da Margherita e Verdi. «Gli Euro 4 potevano circolare anche durante i blocchi dello scorso inverno - ricorda il Pirellone -. Non è certo una novità, si tratta di veicoli con emissioni inquinanti vicine allo zero». E il presidente Roberto Formigoni torna a chiedere poteri speciali e nuovi fondi allo Stato per combattere l’inquinamento. Lo farà stamattina, durante la riunione del tavolo Milano guidata da Enrico Letta, sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Una richiesta motivata con la particolare situazione della Lombardia, povera di vento e al centro della Pianura Padana.