Troppi camion in coda per entrare in porto: gli autotrasportatori bloccano Calata Sanità

Esasperati dalle lunghe code per l' ingresso nel Terminal Sech di Calata Sanità, gli autotrasportatori ieri pomeriggio hanno deciso il blocco del terminal. In seguito alla manifestazione di protesta si sono formate code di autoveicoli all'uscita autostradale di Genova Ovest. Già martedì sera alcuni camionisti erano venuti alle mani tra loro, stufi delle lunghe code provocate all' ingresso a causa dei camion sprovvisti del buono di prenotazione e di ricarico. Intanto per dirimere la questione e porre fine alla manifestazione di protesta si è svolta presso la sede dell' Autorità portuale una riunione a cui hanno partecipato tra gli altri l' amministratore delegato del Sech, Giannini, rappresentanti della Polmare e due ispettori dell' Autorità portuale.
«Per risolvere la questione dell' ingresso nel terminal - spiega Giuseppe Bossa di Cna-Fita - era già previsto un incontro il 23 febbraio tra autotrasportatori, spedizionieri, agenti marittimi e rappresentanti del Sech. Invece martedì sera è scoppiata una ennesima lite tra autisti in cui veniva minacciato il blocco del Terminal, poi rientrato».
Bossa spiega: «La “querelle” in sostanza è dovuta all' arrivo dei camion senza prenotazione che fanno rallentare anche l' ingresso di quegli autotrasportatori provvisti del buono di ricarico. E questo anche per colpa degli spedizionieri e degli agenti marittimi che fanno viaggiare le merci senza preoccuparsi di chiedere prima l' autorizzazione delle dogane ad entrare in porto».