Troppi dialetti, meglio l’italiano

La maggior parte dei cinesi residenti a Milano proviene dalla regione dello Zhejiang, a sud di Shanghai, dove si parlano tre dialetti diversi: il wenzhen, il quingtian e il wenchou, anche se alcuni parlano altri dialetti come per esempio il cantonese o lo shanghai. Possono tuttavia comunicare tra di loro in mandarino, la lingua ufficiale più parlata da tutti i cinesi del mondo. Meglio poi se è pronunciato con l’accento di Pechino, basta infatti cambiare l’intonazione di una parola per stravolgerne completamente il significato. Ma dato che non tutti la parlano, spesso, per capirsi, sono costretti ad esprimersi in italiano. Che qui a Milano a volte si trasforma in perfetto meneghino, con cadenza cinese.