«Troppi parti: 6.850 nel 2006»

Ha indossato il camice verde per visitare il reparto di Terapia intensiva che solo nel 2006 ha contato 800 ricoveri e 109 nati sotto il chilo e mezzo di peso. Casi a volte disperati, ma il 93 per cento ce l’ha fatta. Il sindaco Letizia Moratti nel giorno della Festa della donna ha scelto di visitare la Clinica Mangiagalli, «un centro di eccellenza mondiale, più avanzato degli Stati Uniti». E anche ringraziare «chi si impegna perché dopo la vita ci sia anche la crescita». È entrata anche nel box parto dove una mamma entro poche ore avrebbe dato alla vita il bebè. Qualche parola per farle coraggio, una stretta di mano. Alla Mangiagalli solo nel 2006 sono nati 6.850 bambini, la metà dei neonati a Milano. Troppi, secondo il primario del reparto di Ginecologia Giorgio Pardi, che lanciato l’appello alla Moratti: «Serve una rete milanese per distribuire meglio i parti in città. Non possiamo continuare su questi ritmi»
Due anni fa il 31,7 per cento dei bimbi ha visto la luce nella clinica di via Commenda, seguito a distanza dall’ospedale Buzzi in cui ci sono stati 3.555 parti, il 16,3 per cento del totale. Decisamente meno quelli al San Paolo (9,3%), al Niguarda (8,3), al San Carlo (7,3) e al Sacco (4,9 per cento). La Moratti ha ricordato che «per la prima volta la sua giunta ha un assessore alla Salute». Segno che l’attenzione ai problemi è massima.