Troppi stranieri, San Vittore riscoppia

Crollato il Secondo Raggio, inagibile il Quarto Raggio, e ogni giorno più di trenta i detenuti che entrano nonostante la capienza ridotta: San Vittore è un carcere ai limiti dell’esplosione. E dove ormai il 75 per cento degli ospiti è straniero: tanto che tra pochi giorni chiuderà il call center di Telecom Italia, che dall’interno rispondeva alle richieste di informazioni sugli abbonati al telefono. Motivo: mancano i detenuti-centralinisti che parlino italiano.