Troppo degrado nel metrò I cittadini rispettino di più ciò che appartiene a tutti noi

Disservizi delle scale mobili e degli ascensori nella stazione del metrò di piazzale Cadorna; ascensori e scale mobili che non funzionano neppure in Centrale: una è chiusa da tempo, l’altra è bloccata da circa tre settimane. Infiniti disagi di sempre, problemi ancora una volta irrisolti.

La stazione della metropolitana di Loreto è in condizioni vergognose. I corridoi per viale Monza e via Battaglia hanno le pareti sconnesse, sporche, con sacchetti di rifiuti alle loro sommità. Le scale sono sporche, con le grate per lo scolo dell’acqua piovana intasate da sempre, verso via Battaglia l’acqua crea veri e propri torrentelli, le scale sono luride, spesso trasformate in latrine e mai ripulite. I corridoi si trasformano in una distesa di teli-bancarelle dove si vende di tutto: ombrelli, calze, cinture eccetera, secondo la situazione atmosferica. In questa stazione ci sono due linee che si incrociano, i passeggeri sono numerosissimi e lo sfascio non è certo un bel biglietto da visita per gli stranieri.
Bruno Neri Ruffini

Gentilissimi Maria Lucia e Bruno non siete gli unici lettori del «Giornale» che si lamentano delle condizioni in cui versano numerose stazioni del metrò milanese, quasi tutte vulnerabilissime alle infiltrazioni di acqua piovana. Mi vengono in mente - perché mi capita di passare ogni tanto in queste stazioni e perché le vedo da sempre - i «laghetti» che si formano in stazione Centrale dove si incrociano le linee 3 e 2 e in piazza Duomo nel passaggio tra la Mm 3 e la Mm 1. Non so so se queste infiltrazioni siano causate da difetti di costruzione oppure da scarsa manutenzione. Penso però che siano problemi risolvibili e non capisco per quale motivo la Mm non si decida a risolverli. Un po’ diverso il problema della sporcizia. Che è da attribuire in parti uguali a chi dovrebbe tenere pulite le stazioni della metropolitana, alla Mm che paga queste imprese e dovrebbe controllare che le stazioni siano decorose e agli stessi utenti dei mezzi del trasporto pubblico. Il disinteresse degli italiani per la cosa pubblica è da sempre noto: nonostante nelle stazioni del metrò ci siano numerosi cestini per i rifiuti si vedono tante persone gettare a terra di tutto, biglietti usati, cartacce e quant’altro venga da loro stessi considerato superfluo. È giusto chiedere più cura e più attenzione alla Mm ma anche noi cittadini dovremmo cercare di fare la nostra parte.

rotondosergio@gmail.com