Troppo l’orrore della guerra messo in tavola tra gli stand

Anche quest'anno la festa dell'Unità propone alla gente uno stand assai discutibile, infatti da qualche edizione vengono messe in «bella» mostra foto delle vittime di guerra.
Le famiglie che passano tra gazebi di frittelle o tombolate, si ritrovano senza nessun tipo di presentazione ad immagini forti, bambini mutilati, corpi straziati, volti deformati da quelle definite «armi non convenzionali».
Naturalmente la gente rimane pietrificata da questi scatti e molti genitori allontanano velocemente i propri figli da quel tipo di situazione.
È chiaro che la guerra genera sofferenza e vittime innocenti, purtroppo ci sono sempre state in ogni conflitto ma la negligenza di esporre tutto questo è davvero eccessivo. La gente dovrebbe avere l'opportunità di scegliere e non di farsi imporre l'orrore negli occhi, soprattutto quelli dei bambini.