«Troppo pericoloso viaggiare nel sud del Sahara»

«Il sud del Sahara è pericoloso. C’è una zona di grande instabilità tra l’Algeria, il Niger, il Ciad e la Libia, dov’è meglio non andare». Lo sostiene Alberto Angela, giornalista e divulgatore scientifico, intervistato ieri da «R101».
«Il Sahara ha grandi paesaggi, profondi silenzi e scenari affascinanti. Bisogna evitare però di recarsi nel sud del deserto, perché sono zone in cui non si può mai prevedere il pericolo». Nel febbraio del 2002 Angela, insieme alla sua troupe televisiva, venne rapito picchiato e rapinato, mentre si trovava nel deserto del Niger: «Per quasi due giorni ce la siamo vista brutta», ricorda Angela, «e non pensavamo di uscirne vivi. Avevamo preso contatti con tutte le ambasciate locali, e l’area ci venne descritta come assolutamente tranquilla e senza problemi. Avevamo anche una scorta armata, che ci fu assegnata senza che lo avessimo chiesto. Eppure siamo stati rapiti. Erano guerriglieri allo sbando di quelle zone sperdute».