È troppo povera, l’«Arte» le toglie la casa

La sfrattano per morosità da un alloggio di edilizia popolare. E’ una delle tante storie che potrebbero essere raccontate su persone che nella nostra Genova non riescono ad arrivare alla fine del mese e non hanno la possibilità di pagare l’affitto di casa, neanche se il canone è agevolato. Ma quella che vi stiamo raccontando è una storia se possibile ancora più triste di chi oltre a perdere una casa e anche la dignità rischia di perdere il contatto con i familiari. Non solo ma a ciò aggiunge anche la sofferenza per una serie di eventi tragici che hanno coinvolto lei ed i suoi cari.
Parliamo di una donna che vive con una figlia di 18 anni, un bimbo che ne ha 5 e l’anziana madre. Lei fino a qualche anno fa conviveva con un uomo che la lasciò mentre era in stato interessante del secondo figlio e andandosene le lasciò anche lo stato di morosità dell’appartamento (...)
SEGUE A PAG. 52