Troppo smog, «epidemia» di asma

Cinque anni di Pisapia non hanno migliorato l'aria. E Sala non conosce i giorni di picco

L'allarme smog inquina le ultime battute di campagna elettorale. Su polveri sottili, Area C e blocchi del traffico Beppe Sala e Stefano Parisi si scontrano da giorni e il candidato del centrosinistra inciampa in una gaffe sui dati. Al confronto Sky di mercoledì lo sfidante di centrodestra ha centrato quasi alla perfezione il numero di giorni di sforamento di Pm10 nel 2015: ha detto «100» (la risposta esatta è 101). Qui però Sala è intervenuto con enfasi: «Di meno, di meno...». Dimostrando di non avere le idee chiare su uno dei nodi più intricati. Di smog i due candidati hanno discusso anche ieri a Porta a Porta. Intanto l'Istituto Mario Negri conferma che in cinque anni la giunta Pisapia non è riuscita a migliorare né l'aria né la salute dei cittadini. Nei giorni di picco delle polveri sottili c'è stato un picco anche dei consumi di farmaci anti asmatici.