Una troupe aggredita dagli zingari a Marassi

Grazie al presidio dei vigili i camper sono spariti I residenti: «Era ora». Ieri vertice a Tursi con il sindaco

Da cinque giorni gli zingari sono spariti dal piazzale di Marassi. Un’auto della polizia municipale staziona stabilmente davanti alle tribune per controllare che camper e roulotte non tornino. I residenti tirano un sospiro di sollievo: «Ci voleva tanto? - si chiedeva ieri mattina un commerciante guardano l’auto bianca e azzurra dei vigili in mezzo al piazzale - Eravamo al limite della sopportazione, poteva succedere qualcosa di grave». Qualcosa di grave è successo prima che i nomadi si spostassero. Una troupe della Tv della Libertà è stata allontanata in malo modo dagli zingari. La colpa dei giornalisti? Voler filmare l’accampamento illegale nel cuore della città.
A raccontare l’aggressione (per fortuna solo verbale) è Antonia Ronchei, giornalista genovese della tv creata da Michela Brambilla. I fatti risalgono a martedì 28 agosto. «Quella mattina siamo arrivati con l’auto vicino alle roulotte - racconta la Ronchei-. “Cosa state facendo? Andatevene o vi denunciamo!” ci hanno gridato. E in un attimo una decina di donne con i figli si sono avvicinate urlandoci di tutto».
La giornalista e il cameraman, a quel punto, sono corsi alla macchina dove li aspettava un collaboratore. «Siamo dovuti ripartire a tutta velocità per sfuggire ai nomadi che ci hanno inseguito - conclude la Ronchei-. È assurdo, delle persone che occupano illegalmente uno spazio pubblico ci hanno impedito di fare il nostro lavoro, calpestando un nostro diritto».
E ieri pomeriggio, in Comune, il sindaco Marta Vincenzi ha riunito gli assessori Roberta Papi (Servizi sociali), Massimiliano Morettini (Immigrazione), Bruno Pastorino (Casa) e Francesco Scidone (Sicurezza) per parlare del problema nomadi. «Si è messa a punto una serie di proposte che discuteremo martedì con prefetto e forze dell’ordine» spiegano a Tursi. Quanto alle misure di competenza comunale, resta l’intenzione di vietare con un’ordinanza il posteggio di roulotte e camper in città: i vigili così potranno bloccare sul nascere la formazione di nuovi campi nomadi non autorizzati.