Trovato il corpo di un uomo nel parco dell’Appia Antica

Il cadavere di un uomo, in stato di decomposizione, è stato trovato ieri mattina all’interno del parco regionale dell’Appia Antica durante un lavoro di bonifica degli accampamenti di fortuna sorti nella zona dell’Acquedotto Felice. Il cadavere non è stato identificato perché senza documenti. Al momento, secondo i primi accertamenti, non sono stati trovati sul corpo segni di violenza. Sarà però l’autopsia a chiarire le cause del decesso. L’uomo, un senza fissa dimora probabilmente dell’est europeo, è stato trovato dagli agenti del commissariato Tuscolano vicino ad una baracca intorno a scatoloni e bottiglie di alcol durante il servizio portato avanti con i carabinieri, l’ente parco regionale, l’Ama e il reparto mobile, per ripulire l’area. L’operazione ha portato all’identificazione di 43 persone, per la maggior parte romeni e moldavi, che vivono nel parco dell’Acquedotto Felice in alloggi di fortuna, tra tende da campo e baracche. Circa un centinaio sono i ricoveri individuati, che saranno smantellati, e utilizzati dai senza casa. Gli stranieri saranno portati all’ufficio immigrazione per gli accertamenti.