Trucchi e manuali a pagamento per videogiocare meglio

Un tribunale ha riconosciuto il diritto di vendere su Internet le soluzioni ai principali problemi

Massimo Carboni

da Milano

I trucchi e le soluzioni dei videogiochi sono sempre stati una merce molto ricercata dagli appassionati. La ragione è evidente, arrivare in fondo ad un gioco risulta un’impresa davvero difficile. Capita poi che in alcuni punti il gioco diventi irrisolvibile, senza apparente via d’uscita. Risulta quindi indispensabile ricorrere ai trucchi ovvero a combinazione di tasti. Premesso ciò, probabilmente neanche i più accaniti videogiocatori avrebbero mai pensato che le soluzioni e i trucchi sarebbero diventati oggetto di contrattazione su internet.
Eppure capita di trovare siti che forniscono soluzioni siano a pagamento, ma non basta. Il fenomeno è talmente macroscopico che anche eBay presenta ormai una nutrita sezione dedicata proprio ai trucchi sotto forma di manuali. Si tratta di guide non autorizzate dalle case produttrici che derivano dallo spirito di iniziativa di videogiocatori che, dopo aver risolto brillantemente il gioco, decidono di vendere il proprio sapere. Sulla legalità dell’iniziativa ci sono alcuni dubbi, tuttavia va segnalata una recente sentenza di un procedimento che vedeva contrapposti da una parte la Blizzard, sviluppatrice del celebre gioco strategico in real time «Warcraft» e dall'altra un ventiquattrenne, Brian Kopp, reo di aver messo in vendita su eBay una guida non autorizzata di World of Warcraft al prezzo di 15 dollari.
Il processo ha avuto un esito inaspettato. La sentenza è andata a favore del videogiocatore, permettendogli di continuare a vendere la sua guida purché sia segnalato che si tratta di una pubblicazione non autorizzata da Blizzard. Esistono tuttavia ancora delle zone franche in cui è possibile trovare soluzioni e trucchi gratuitamente.
Uno dei siti meglio concepiti è http://next.videogame.it, spazio storico on line da diversi anni, che presenta un archivio davvero nutrito di soluzioni e trucchi che spaziano da titoli vecchi di diversi anni fino a titoli recentissimi, come, ad esempio, «Oscure» o «Age of Empires III».
Tutti i giochi sono classificati per ordine alfabetico e possono essere rintracciati con un comodo motore di ricerca.
Ma il commercio parallelo di prodotti legati ai videogames non si ferma alle soluzioni, coinvolge anche le cosiddette «Action Figures» modellini che riproducono in modo meticoloso e con dettagli fedeli i protagonisti dei videogames stessi.
Basta impostare le parole chiave su eBay per avere accesso ad una vasta gamma di figure statiche da collezione che spesso hanno una provenienza non ufficiale e sono da ricondursi all’opera di appassionati di settore.