Truffe in Borsa: risarciti con 9 milioni clienti di finanziaria

Nove persone denunciate per appropriazione indebita, abusivismo finanziario e ostacolo alle funzioni di vigilanza e 480 clienti danneggiati con 8,5 milioni di euro: è il risultato di un’operazione del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza. L’indagine ha accertato che i nove operavano su strumenti finanziari derivati rischiosi e speculativi; quando le cose hanno iniziato ad andare male, per coprire le perdite hanno distratto fondi dai conti dei clienti, così da evitare i controlli delle Autorità competenti. In particolare, le Fiamme Gialle hanno controllato l’attività della società di trading quotata «Piazza Affari Sim» che, aveva registrato perdite per circa 9,5 mln di euro. Sono state individuate responsabilità anche nei confronti dei vertici pro tempore dell’istituto Centrale Banche Popolari Italiane (Icbpi), che invece di vigilare, avrebbe concorso nell’attività di distrazione. La «Piazza Affari Sim» ha risarcito i 480 clienti con 8,5 milioni di euro attraverso un accordo stragiudiziale.