Truffe con falsi assegni: un arresto e 2 denunce

Uffici postali in allerta a Roma e provincia per le truffe con assegni clonati. Bande di truffatori intercettano assegni emessi da istituti pubblici, li clonano e poi a nome degli intestatari (naturalmente, con carte documenti d’identità falsificati) aprono conti correnti postali per riscuoterli. Così per i funzionari postali gli assegni risultano regolarmente emessi e i truffatori li riscuotono in tutta tranquillità. In pochi giorni nell’area a nord est ne sono state messe a segno 4, una all’ufficio postale di Settecamini, 3 alle poste di Tivoli. I carabinieri della compagnia di Tivoli ne hanno scoperte 3, procedendo anche a un arresto. A mettere a segno le truffe fotocopia specialisti napoletani. Come Lady Truffa, Lucia D., 25enne campana, con 20 precedenti alle spalle. La donna in pochi giorni ha versato assegni clonati per 25.000 euro a Tivoli Terme e ne ha riscossi 15.000. Il colpo è riuscito ma la donna è stata identificata e denunciata per truffa, sostituzione di persona e falsificazione di documenti.