Truffe nuziali, ecco la regina della poligamia

Ha sposato almeno 15 uomini. A tutti ha portato via un patrimonio. È sotto processo perché ha due mariti e un convivente

Mariuccia Chiantaretto

da Washington

Ha inventato il marito usa e getta e verrà processata come la prima donna poligama d'America. Kyle McConnell, 46 anni portati male, per niente appariscente, è però molto gettonata e nelle ultime 24 ore ha addirittura mandato in tilt i siti dei giornali che parlano di lei.
La signora McConnell è originaria di Port Huron in Michigan. La sua specialità sono i mariti da spennare poi mollare. Comparirà davanti al giudice a Roseville il 15 maggio con l’accusa d’essere sposata contemporaneamente con due uomini mentre un terzo la considerava la sua convivente. La donna è già in galera presso il Robert Scott Corretional Facility di Playmont per frode nei confronti di Richard McConnell, 56 anni, il marito di cui continua a portare il nome. Lo scorso settembre il signor McConnell ha presentato domanda di divorzio ma in dicembre la pratica è stata archiviata per scadenza di termini in quanto non erano stati presentati tutti i documenti necessari. L’accusa di poligamia non è infatti il primo problema con la giustizia per la vivacissima Kyle. Lo scorso 22 aprile è stata condannata a 10 anni di carcere per appropriazione indebita e false generalità. Secondo i procuratori d’accusa la donna aveva depositato sul conto di uno dei suoi innumerevoli mariti, Len Battaglia, degli assegni a vuoto per circa 20 mila dollari con la firma (falsa) di vari membri della famiglia di Richard MacConnell. Alla lettura della sentenza il giudice ha spiegato che l’imputata non potrà chiedere la libertà provvisoria prima d’aver scontato almeno 22 mesi. «In dodici anni - ha commentato il procuratore Therese Tobin - non mi era mai capitato di occuparmi di una poligama. In genere sono gli uomini che sposano diverse donne all’insaputa l’una dall’altra». Secondo lo sceriffo Tim Donnellon Kyle McConnell ha pronunciato il “Sì“ almeno 15 volte ed ha fatto credere ad almeno altri cinque e sei grulli col portafogli gonfio d’essere la loro anima gemella. A tutti i suoi grandi amori Kyle ha fatto spendere quella che per loro era una fortuna e ha portato via un bel po’ di soldi in contanti prima di abbandonarli.
«Non abbiamo le idee chiare - ha spiegato lo sceriffo Donnellon - su quanti uomini ha buggerato - sappiamo però che questa donna ha un vero talento nell'individuare potenziali mariti più o meno benestanti, sposarli e abbandonarli una volta entrata in possesso del loro denaro. Nel momento in cui il poveretto di turno si rendeva conto di ciò che stava succedendo, la donna era già occupatissima a sedurre il prossimo pollo da spennare.
Douglas Rice, 46 anni, uno dei quindici mariti dichiarati, ha raccontato d’aver conosciuto Kyle tramite Internet lo scorso luglio e d’averla sposata il 23 settembre con una cerimonia civile a Clinton Township. «Mi ha detto che era stata sposata una sola volta, ma non ci ho messo molto a capire che non ero altro che uno dei fessi della sua collezione».