Turbine a vapore, Ansaldo Energia batte Westinghouse

La tecnologia Finmeccanica rimpiazza quella di Westinghouse nelle centrali dell’Enel. Ieri Ansaldo Energia, controllata di Finmeccanica, ha reso noto di aver firmato contratti per un valore complessivo di 50 milioni di euro con Enel, per attività di «service» in Italia. Gli ordini prevedono in particolare per la centrale a carbone di Brindisi Sud (quattro sezioni a vapore da 660 MW ciascuna, entrate in servizio nel periodo compreso tra il 1991 e il 1993, per un totale di 2640 MW installati) la sostituzione delle principali componenti delle turbine a vapore di tecnologia Westinghouse con tecnologie più avanzate. L’intervento consentirà, secondo l’Ansaldo, un aumento del rendimento dell’impianto, con conseguente miglioramento delle emissioni ambientali.