Turchia, no al velo libero all'università

La Corte
Costituzionale turca accoglie il ricorso presentato dalle forze dell'opposizione e annulla la legge che liberalizzava il velo islamico negli atenei. Duro colpo per il premier Erdogan

Istanbul - La Corte Costituzionale turca conferma il no al velo libero negli atenei turchi. Lo ha reso noto l’istituzione oggi. La corte ha quindi deciso di accogliere il ricorso presentato dall’opposizione - dal Chp, Partito repubblicano del Popolo e dal Dsp, Partito democratico di Sinistra - e ha annullato la legge che liberalizzava l’uso del velo islamico nelle università. Per il premier Recep Tayyip Erdogan si tratta di un duro colpo.

La legge era stata approvata lo scorso 9 febbraio, dopo un’intesa lampo fra l’Akp, il partito islamico moderato per la Giustizia e lo sviluppo al governo e il Mhp, il Partito nazionalista. L’opposizione era ricorsa alla Suprema corte perché la nuova norma era contro l’identità laica dello Stato turco e creava divisioni nelle popolazione.