Turchia: orfano a 14 anni, eredita debiti per 70 milioni di dollari

Un ragazzino turco, figlio di un’importante famiglia è rimasto completamente solo. Ora, a causa delle perdite finanziarie del padre sarà costretto a pagare i creditori o rinunciare all’eredità<br />

Murat Edin, a soli quattordici anni, è rimasto l’unico sopravvissuto della famiglia di Rasim Esat Edin, ricco proprietario del centro residenziale Kemer Country presso Istanbul, morto pochi giorni fa con altri suoi tre figli. Ma invece che l’impero del padre erediterà probabilmente solo i suoi debiti che ammontano a oltre settanta milioni di dollari. La notizia è stata riferita ieri dal quotidiano Hurriyet ricordando che Esat Edin, il padre del ragazzo, è scomparso tragicamente pochi giorni fa quando, durante la festività islamica del Ramadan, era andato in campeggio con gli altri tre figli Aliye, di sette anni, Serra Sirin, dieci, e Mete Cem, 12, nei pressi del villaggio di Edremit, vicino alla città di Balikesir, nella Turchia orientale. A causa delle forti piogge che si sono scatenate durante la notte, un vicino torrente era straripato travolgendo la tenda dove Edin ed i suoi tre figli stavano dormendo. Tutti sono morti annegati. Murat - la cui madre, Mehpare, è morta di cancro sette mesi fa - si è salvato perché era rimasto a Londra dove sta finendo gli studi. Dal momento che il ragazzo è minorenne, un giudice dovrà nominare un curatore dei suoi interessi. In base alla legge turca, se i beni che Esat Edin ha lasciato al figlio superano i 70 milioni di dollari, Murat potrà accettare l’eredità, ripagare il debito e tenere per sè la differenza. Ma qualora il debito superi l’ammontare dell’eredità, al ragazzo converrà rinunciare a quest’ultima per non doversi accollare il debito residuo.