Turchia Sepolta viva perché aveva amici maschi

Sepolta viva dai familiari per aver stretto amicizia con alcuni ragazzi. È l’assurda vicenda che vede protagonista una 16enne di Kahta, villaggio della provincia turca sudorientale di Adiyaman. Il cadavere della ragazza, scrive l’agenzia Anadolu, è stato ritrovato dalla polizia seduto e con le mani legate, in una buca di due metri scavata nel giardino della casa di famiglia, sotto un recinto per i polli. La polizia ha ritrovato il corpo in seguito a una segnalazione, 40 giorni dopo la denuncia della scomparsa della ragazza. Il ritrovamento risale a dicembre, ma solo in questi giorni la scientifica ha concluso la sua autopsia, arrivando alla conclusione che la ragazza è stata seppellita viva, come proverebbero tracce di terra ritrovate sotto le sue unghie e nel suo stomaco. «Secondo i nostri esami, la ragazza, che non aveva lividi sul corpo o tracce di narcotico o veleno nel sangue, era viva e del tutto cosciente quando è stata seppellita», ha detto una fonte giudiziaria anonima.