Turchia-Ue, sparisce la data del negoziato

Piccolo giallo a Bruxelles. La tabella di marcia sull’ingresso della Turchia in Europa sembra avere subito una battuta di arresto, anche se solo dal punto di vista simbolico. Nella bozza delle conclusioni del Consiglio europeo del 16 e 17 giugno prossimi è scomparso il riferimento esplicito alla data del 3 ottobre, ossia quando dovrebbero iniziare i negoziati ad Ankara per fare entrare il Paese nell’Unione europea. Stando a quanto riferiscono fonti diplomatiche, l’omissione è stata voluta dalla presidenza lussemburghese per tenere il paragrafo sulla Turchia del profilo più basso possibile. In una bozza precedente l’indicazione del 3 ottobre c’era. Nella versione attuale si legge: «Il Consiglio europeo ricorda le sue conclusioni del 16-17 dicembre 2004 relative alla Turchia. Invita la Commissione a presentare un progetto di quadro negoziale». Niente più. Sul piano pratico non cambia nulla, perché negli accordi di dicembre la data è stata fissata in modo ufficiale. Ma la sua omissione la dice lunga sul diverso clima che si è venuto a creare dopo il doppio «no» di Francia e Olanda.