Turchia, vietato Pavarotti l’«infedele»

Vietata la musica di Luciano Pavarotti, roba «infedele», che piace ai «traditori». Meglio, piuttosto, i canti popolari turchi. La pensa così il direttore del coro della radio-tv pubblica turca, Trt, dove da qualche settimana la tensione è in crescita. E i membri del coro hanno inscenato una manifestazione, chiedendo la sostituzione del direttore, Ergin Erenoglu, per una controversia innescatasi alla fine dello scorso anno. Quando definì la musica di Pavarotti «ghavur», cioè «infedele» e ne vietò l’ascolto agli orchestrali.