Turismo, asse Pirelli Re-Valtur

da Milano

Dalle cime del Trentino e della Val d’Aosta alle spiagge della Puglia e della Calabria. All’indomani della firma dell’accordo per rilevare le sofferenze della Banca Popolare di Intra, Pirelli Real Estate scommette sul turismo impegnandosi a comprare quattro villaggi Valtur situati a Marilleva, Pila, Nicotera e Ostuni. Una mossa da 103 milioni di euro che il braccio immobiliare della Bicocca guidato da Carlo Puri Negri realizzerà attraverso un fondo immobiliare ad apporto destinato agli investitori istituzionali. Pirelli Re (più 0,37% il titolo in Piazza Affari) deterrà una quota del 35% e fornirà tutti i servizi immobiliari per gli asset acquisiti in linea con il proprio modello di business. La compravendita, finanziata da Banca Intesa, si dovrebbe concludere entro marzo del prossimo anno e rappresenta il primo impegno rilevante della Bicocca nel mondo del turismo dopo alcuni investimenti minori e l’ingresso con una quota del 25% in Turismo & Immobiliare, cui fa capo il 49% di Italia Turismo. L’accordo raggiunto con Valtur segue le linee di rafforzamento nel turismo previste nel piano triennale. Per valorizzare le strutture sono stati stimati investimenti prossimi a 12 milioni nei prossimi due anni. In particolare, il 50% dell’importo sarà a carico del fondo e la parte restante di Valtur, che continuerà a occuparsi della gestione dei villaggi, a fronte di un contratto di locazione della durata di diciotto anni rinnovabile per altri nove.