Turismo, Italia al top: viaggio nel mondo delle vacanze alla Bit di Milano

Milano - Capitale della moda e del design? Certo, Milano è questo ma non solo, in realtà la più europea delle metropoli italiane è anche la capitale del turismo internazionale e la capitale del turismo italiano, dell'italian dream, del sole, del mare e della cultura, ma apure della gastronomia, che hanno saputo conquistare i turisti di tutto il mondo. Da giovedì 22 a domenica 25 febbraio, il Nuovo polo fieristico di Rho-Pero ospiterà infatti la Bit, il tradizionale appuntamento con la Borsa internazionale del turismo, edizione numero 27, di una delle più belle e importanti fiere di turismo del mondo, l'unica in grado di rivaleggiare e primeggiare con l'Itb di Berlino e con la fiera del turismo di Londra. Già, perché Milano, fra i tanti, ha anche questo primato. Così nei padiglioni della fiera si potrà compiere un vero e proprio giro del mondo attraverso i Continenti e l'Italia, mete esotiche, lontane, da scoprire o da riscoprire fra mare, momtagna, città e luoghi d'arte, natura e sport: tutto quello che fa vacanza nel mndo si trova alla Bit, e non serve il passaporto per fare questo incredibile viaggio.

Sabato 24 e domenica 25 aperta anche al pubblico Toccherà al vicepresidente del Consiglio, Francesco Rutelli, tagliare il nastro inaugurale della manifestazione che quest'anno, per la prima volta, parte con una apertura riservata ai soli operatori nei primi due giorni. Al pubblico, invece, sono riservate le giornate di sabato 24 e domenica 25, proprio in concomitanza, quest'ultima (purtroppo), con il blocco totale del traffico per tutto il Nord Italia.

Le novità del 2007 Oltre alle novità legate alla data, quest'anno la Bit ospita due nuove manifestazioni: Travel&Motion, dedicata a open air, caravan, campeggio e attrezzature, e Boat Village, focalizzata sulla nautica da diporto. «Integrata da due manifestazioni come Travel&Motion e Boat Village e resa ancora più efficace grazie al nuovo calendario - commenta Carlo Bassi, amministratore delegato di Expocts - Bit si delinea sempre più come un progetto completo per un settore industriale in costante crescita come il turismo».

Il mondo viaggia Il turismo, settore trainante a livello internazionale, si prevede che intorno al 2010 diventerà la prima industria al mondo. Un mercato in fermento anche per l'Italia, dove, secondo un recente studio del Cnr, il 2005 ha confermato la crescita della domanda turistica nel nostro Paese, con un aumento del 2,7% sia negli arrivi sia nelle presenze rispetto all'anno precedente. «Con oltre 5.000 espositori Bit dimostra di essere, anche quest'anno, il trampolino di lancio per lo sviluppo del sistema turistico italiano - dichiara Adalberto Corsi, presidente di Expocts e vicepresidente vicario di Unione del Commercio di Milano -. La Borsa internazionale del turismo cresce quest'anno del 2% nella superficie espositiva e con BuyItaly occupa complessivamente 60.000 metri quadrati». Gli incrementi riguardano tutti i comparti: Bit 2007 registra rispetto allo scorso anno un aumento di 30 aziende new entry estere. Particolarmente interessanti gli investimenti dall'area del Mediterraneo e il rientro di paesi come Giamaica, Fiji e di Danimarca, Norvegia e Finlandia. Cresce anche Buyitaly, il workshop del prodotto turistico italiano con i 520 buyer di quest'anno. Il 2007 è anche la prima edizione del premio Bit Tourism Award, la prima edizione di un premio assegnato sulla base del parere dei viaggiatori, dalla cui analisi emerge una posizione di primo piano dell'Italia, confermata anche dai dati raccolti da Klaus Davi&Co per BitLab 2007, il laboratorio che monitora la visibilità del nostro paese come destinazione turistica sulla stampa internazionale. Quest'anno, l'Italia è al primo posto tra le più importanti destinazioni con quasi il 20% delle citazioni complessive sulla stampa estera. Cresce in modo significativo, più del 51%, il numero di articoli dedicati al Belpaese, che passano da 7.101 nel periodo gennaio 2005-gennaio 2006 a 10.729 tra febbraio 2006 e gennaio 2007.

Italia al top E riscoprono l'Italia i turisti stranieri. Ma non per le coste, le spiagge o il mare, quanto per le attrattive culturali, la comodità degli alberghi, la buona cucina. Un'offerta turistica grazie alla quale, emerge da un rapporto elaborato per la Bit, l'Italia è al primo posto dell' Indim, l'indice di immagine che viene calcolato sulla base delle citazioni dedicate dalla stampa internazionale alle destinazioni turistiche. «L'indice viene calcolato sulla base qualitativa e quantitativa delle citazioni - ha spiegato Klaus Davi che ha curato il rapporto -. Serve inoltre a capire quali sono i punti di forza, ma anche quelli deboli della nostra offerta turistica». Leggendo la stampa straniera quindi nella maggior parte di articoli che trattano di turismo e vacanze si parla di Italia, che registra un Indim del 19,81%, seguita da Spagna (9,01) e Francia (7,66).

Dal monitoraggio degli articoli pubblicati (periodo preso in considerazione gennaio 2006, gennaio 2007) emerge che l'Italia viene indicata come buona destinazione quando si parla di turismo culturale (buon equilibrio tra vacanza e apprendimento, scrive The Guardian), le ottime sistemazioni (dei 20 migliori hotel, secondo Readers Travel Awards, 10 sono italiani), le attrattive dell'entroterra (per The Indipendent l'Italia è uno dei luoghi più ricchi di castelli, borghi medioevali, città fantasma abbandonate dai pastori). Ottima anche la cucina. In questo elenco dei punti di forza le spiagge finiscono all'ultimo posto. «Pur continuando ad essere molto apprezzate le nostre coste accusano qualche commento negativo - ha spiegato Klaus Davi - Della Romagna e della Versilia si parla spesso per l'eccessivo affollamento, la Liguria risente ancora del problema inquinamento della scorsa estate».

La sorpresa Abruzzo Ma l'antica passione per le spiagge italiane continua a richiamare un buon numero di turisti, soprattutto a Sud della penisola. I punti deboli dell'offerta turistica, emerge dal rapporto, sono i trasporti e le infrastrutture, l'inquinamento, il caro prezzi, la criminalità e la trascuratezza del patrimonio artistico. Tra le regioni l'Indim più alto lo guadagna l'Abruzzo, che si è conquistato un titolo sul New York Times 'Negli Abruzzi l'Italia mostra il suo lato più ruvidò.

La polemica con Roma «Nulla in contrario che si faccia un'altra fiera sul turismo, contesto però i tempi: promuoverne due simili in un mese crea solo solo confusione, non è una bella immagine per il made in Italy all'estero, dove penseranno ai nostri soliti localismi». Lo ha detto alla presentazione di Bit, l'amministratore delegato Expocts (Gruppo Fiera Milano), Carlo Bassi, rispondendo ad una domanda su Globe, prima fiera turistica romana. La Bit si svolgerà infatti dal 22 al 25 febbraio. Globe in the City, promossa dalle Fiere di Roma e Rimini, è in programma nella capitale dal 22 al 24 marzo. «Mi sembra tutto un non senso anche se non credo ci sia nessuna volontà politica in questo - ha detto Bassi - Anzi, il vicepresidente del consiglio Rutelli ha avuto solo parole di apprezzamento per la Bit negli ultimi mesi. Credo però che il settore fieristico dovrebbe essere meglio gestito ed organizzato. La Bit non ha minimamente risentito della nuova manifestazione, e i numeri lo dimostrano, non so invece cosa accadrà a Roma, ma non credo che operatori, espositori, agenti, torneranno in Italia due volte nel giro di un mese».