Turismo, un lombardo su tre va all’estero

Quasi quattro milioni e mezzo i lombardi in partenza fino a settembre. Oltre un milione e mezzo scelgono mete che si trovano all’estero: chi, tra i viaggiatori, va fuori Italia cerca il caldo e il mare. Uno su cinque in Spagna, meta quest’anno di oltre 300 mila lombardi, il 14,1% va in Grecia, il 9% circa in Croazia. Ma c’è anche un 8,4% che sceglie la Germania per le sue vacanze estive e un 3,7% la Svizzera e battono in Europa mete come l’Inghilterra, scelta solo dal 2,9% dei lombardi, e la Francia (1,8%). E c’è un 20% che fa la doppia vacanza, in Italia e all’estero: sono circa 870 mila. Sono i dati sulle partenze estive resi noti dalla Camera di commercio.
In un anno, si legge in una nota, sono oltre 20 milioni i viaggiatori lombardi che nel 2006 hanno valicato la frontiera, il 12,5% in più rispetto al 2005. I più «giramondo» sono della provincia di Varese (8,5 milioni il 42,2% del totale regionale), seguiti dai milanesi (quasi 5 milioni, il 24,2% del totale) e dai comaschi (oltre 4 milioni, 20,2%). Alta la spesa media dei lombardi all’estero anche se in leggera diminuzione rispetto al 2005: nel 2006 oltre 5 miliardi di euro, di cui il 50% speso da milanesi (oltre 2 miliardi 550milioni di euro). Cresce il numero dei viaggiatori stranieri in Lombardia: dai 13,2 milioni del 2005 si arriva ai 15,6 milioni nel 2006, un aumento del 18,3%.
Crescono soprattutto Lecco, Varese, e Cremona che registrano un aumento rispettivamente del +40%, + 30,1% e +25,9%. Milano recupera in un anno quasi un milione di visitatori stranieri (+18,8%), arrivando a superare la cifra dei 6 milioni di turisti stranieri (pari al 39,3% del totale regionale).