Turismo sessuale: l’ultima crociata della Brambilla

Il governo dichiara guerra al turismo sessuale. È stata presentata ieri pomeriggio a Palazzo Chigi «E se fosse tuo figlio?», la campagna contro i viaggi del sesso all’estero, specie quelli che hanno come scopo lo sfruttamento dei minori. A promuovere l’iniziativa il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega al Turismo Michela Vittoria Brambilla, che ha chiamato a raccolta tutti gli operatori dell’industria del turismo perché siano sensibilizzati a questo grave problema. Una campagna che invita a frenare la diffusione degli itinerari verso queste mete e che è stata messa in pratica anche attraverso l’invio di sms telefonici. Nella convinzione che «il silenzio significa complicità», Michela Vittoria Brambilla si dice decisa a combattere il fenomeno con tutti i mezzi e vuole coinvolgere in questo progetto addirittura i ministri del turismo di tutto il mondo.