Turismo: il settore perde, Eden Viaggi vola a +23%

Il calo dei clienti delle agenzie di viaggio italiane nell'estate 2010 è stato di 60.000 unità; nell'ultimo anno il mercato nazionale dell'intermediato si è contratto di 1 miliardo e 100 milioni di euro. La crisi colpisce dunque anche un comparto per tradizione vincente dell'economia nostrana, e colpisce duro.
In netta controtendenza Eden Viaggi, realtà ai vertici nazionali del settore vacanze (fatturato tour operating 2009: 260 milioni; Ebitda: 4 milioni), che nel 2009 ha lanciato due prodotti di innovativa concezione, Margò e Eden Made, destinati a tipologie di viaggiatori che non conoscono crisi: il globetrotter impenitente da un lato, il turista più esigente (e abbiente) dall'altro. I due brand hanno portato un aumento di clienti del 22% e un fatturato aggiuntivo superiore ai 50 milioni di euro. Secondo le previsioni, un ulteriore aumento a doppia cifra si avrà nel corso del 2011.
Nardo Filippetti, presidente Eden Viaggi: «Continuiamo a puntare sull'Italia: un'altra scelta che si sta dimostrando vincente. Attualmente le mete turistiche del Belpaese generano il 20% del nostro fatturato, ma è una quota destinata a crescere, poiché desideriamo incrementare la nostra presenza su alberghi e resort in Italia. In Italia abbiamo in programma l'apertura di un nuovo Villaggio Eden in Sardegna per l'estate prossima, il Garden Beach, e soprattutto il potenziamento della nostra catena alberghiera, Eden Hotels&Resorts, con cui completeremo la nostra offerta come tour operator».
Il piano è già in fase attuativa. A luglio Eden ha inaugurato il primo "5 stelle" delle Marche, l'Excelsior di Pesaro; un "4 stelle" a Riccione da 340 camere è in corso di cantierizzazione; assoluta novità è invece il progetto Hotel Nautilus di Pesaro, che verrà portato dalle attuali 55 a 150 camere, e trasformato nel primo Eden Village della riviera Adriatica, per un investimento di 16 milioni.
«Ma nei nostri piani non c'è solo il mare - continua Filippetti. - Stiamo pensando anche alla montagna, con tanta neve fuori per gli appassionati degli sport invernali, e tanto wellness e comfort dentro, per la nostra clientela. Proprio in questi giorni stiamo discutendo un progetto industriale che a breve potrebbe portare a un investimento di 30 milioni di euro». Per l'apertura delle nuove strutture turistiche Eden Viaggi investirà complessivamente circa 50 milioni in due anni, creando almeno 30 nuovi posti di lavoro in territorio italiano.
Prosegue Filippetti: «La nostra strategia anticrisi poggia, oltre che su una mirata intraprendenza, su un altro elemento-chiave: l'affidabilità. Proprio in questo periodo finanziariamente travagliato, Eden si è consolidata, con 9 milioni di capitale versato; ha selezionato le Agenzie partner per evitare rischi di insolvenza, rinunciando con ciò a volumi di fatturato maggiori; ha potenziato e allargato la propria offerta in ogni direzione. Scelte d'impegno e di serietà, che il mercato apprezza e sta premiando».
Eden Viaggi può contare su una rete di oltre 3000 strutture ricettive nel mondo, di cui 31 Eden Village a gestione esclusiva, e di 9250 agenzie che commercializzano i suoi prodotti. Nel 2010 i clienti sono stati 500.000, da raffrontare con i 440.000 del 2009. I dipendenti del gruppo sono 300; dovrebbero diventare 350 entro fine 2011. Grazie anche alle ottime performance dei nuovi prodotti Margò e Eden Made, e all'ampliamento del numero delle strutture ricettive in territorio italiano, Eden Viaggi prevede di chiudere l'anno (le imprese del turismo hanno un bilancio che, per ragioni tecniche, va da ottobre a ottobre) a quota 320 milioni di euro, pari al +23%, con un MOL di circa 5,5 milioni di euro.