"Turismo valanga di disdette, danni per milioni"

La vergogna dei rifiuti distregge l'immagine turistica di Napoli e della Campania. Maddaloni, presidente regionale della Confcommercio: valanga di disdette, danni incalcolabili

Napoli - «Un’immagine oramai sopraffatta da cumuli di rifiuti. Una terra di siti e di eccellenze messa in quarantena dalla spazzatura. E intanto stiamo sfiorando la quasi totalità delle disdette nelle prenotazioni turistiche per il prossimo mese e temiamo la bancarotta tra pochi giorni, quando l’offerta ricettiva e dei pacchetti vacanze sarà quotata sul mercato internazionale della Bit di Milano». Il presidente della Confcommercio Campania Maurizio Maddaloni lancia l'allarme turismo. E non può che essere allarme, emergenza dal rischioi di disdette a valnga, di italiani ma soprattutto di stranieri dopo che da giorni le immagini della vergogna dei rifiuti stanno facendo il giro del mondo: dalle tv ai giornali a Internet (al Jazerra ha titolato "roba da terzo mondo...".
«Stimiamo danni per molte decine di milioni di euro e saremo costretti a far di conto fino alla fine del 2008 - aggiunge Maddaloni - quando i flussi turistici che stiamo perdendo in questi giorni, si orienteranno verso altre regioni d’Italia e d’Europa. Un danno questo che travolge anche il commercio che oltretutto vive l’emergenza sul campo. Il nostro comparto turistico in queste ore - afferma Maddaloni - sta valutando la possibilità di avviare azioni giudiziarie per chiedere il risarcimento danni contro le amministrazioni pubbliche che hanno colpevolmente ritardato il completamento del ciclo dei rifiuti».

"A quale santo ci dobbiamo rivolgere?" «Non è più possibile vivere e sopravvivere tra un’emergenza e l’altra - conclude il presidente regionale di Confcommercio - due anni fa ci rivolgemmo al Presidente della Repubblica per chiedere interventi immediati contro l’avanzata della criminalità. Oggi, a quale santo dobbiamo rivolgerci?».