Tursi ignora i caduti di Nassirya

Caduti scomodi, evidentemente, quelli di Nassirya, per la sinistra genovese. Tanto scomodi da essere stati dimenticati dalle istituzioni amministrative locali proprio nel giorno - ieri - in cui ricorreva il secondo anniversario dell’attacco dei terroristi iracheni che provocò la morte di 2 civili e 17 militari italiani, tra cui il ligure Daniele Ghione, maresciallo dei Carabinieri. Talmente scomodi anche, quei Caduti - che pure hanno appena ricevuto una speciale onorificienza alla memoria del Capo dello Stato - da non meritare a Genova l’inaugurazione formale (promessa da un anno) della piazza a loro dedicata nel parco alla Vetta di Pegli, e nemmeno la visita di una delegazione ufficiale per deporre almeno una corona d’alloro nel secondo anniversario. A portare la corona sono stati ieri, invece, gli esponenti di Alleanza nazionale guidati dal capogruppo in Regione Gianni Plinio e da quello in Comune Gianni Bernabò Brea che prima si sono recati al cimitero di Staglieno, al cippo dei carabinieri, e successivamente (...)