«Tutta colpa dell’arbitro»

Il tempo passa, anche per Giovanna Trillini. Il suo quarto posto è il più indolore, per l’Italia, poiché il bronzo è andato alla compagna Margherita Granbassi. A 38 anni la fiorettista marchigiana ha perso buona parte della brillantezza di avvio carriera, si è già ritirata, consolandosi con il bronzo a squadre. È stata portabandiera ad Atlanta ’96, ha avuto un’unica grande sfortuna: l’esplosione di Valentina Vezzali, proprio in quella Olimpiade, di 12 anni fa. Ha finito con l’oscurarla, in molte manifestazioni. Qui a Pechino in semifinale è stata penalizzata dall’arbitraggio, a squadre ha lasciato il posto a Ilaria Salvatori, perché parte della medaglia (e pure i soldi) fossero anche suoi.