Tutte le intercettazioni sul caso Unipol

Depositata la perizia sulle 73 telefonate che riguardano i politici, tra cui i vertici dei Ds. Consultabile solo dagli avvocati, è già pubblica: e scoppia la bufera. In un colloquio del 14 luglio 2005 D'Alema avverte l'ex capo di Unipol Consorte del rischio di intercettazioni e concorda un incontro

"Piero, grazie per l'aiuto..."

Fassino. Ecco Consorte. Pronto?
Consorte. Ciao Piero.
Fassino. E allora siamo padroni di una banca?
Consorte. È chiusa, sì.
Fassino. Siete padroni di una banca, io non c’entro niente.
Consorte. Sì, sì è fatta.
Fassino. È fatta.
Consorte. Abbiamo finito proprio cinque minuti fa, è stata una roba durissima. Però insomma...
Fassino. Alla fine cosa viene fuori? Fammi un po’ il quadro alla fine.
Consorte. Alla fine viene fuori che noi abbiamo diciamo quattro cooperative...
Fassino. Sì. Che prendono?
Consorte. Quattro cooperative il 4 per cento.
Fassino. L’una?
Consorte. No, no, no. L’uno per cento l’una.
Fassino. Uno per cento per quattro.
Consorte. Esatto.
Fassino. Che sono Adriatica, Liguria, Piemonte e Modena.
Fassino. Perfetto.
Consorte. Poi ci sono diciamo quattro banche italiane che l’un per l’altra hanno il 12 per cento.
Fassino. Come totale?
Consorte. Come totale, quindi le banche più le cooperative 16 per cento. Poi abbiamo tre banche internazionali che sono Nomura, Credit Suisse e Deutsche Bank che hanno l’un per l’altra circa il 14 e mezzo per cento.
Fassino. 14 e mezzo.
Consorte. Sì, poi abbiamo Hopa che ha il 4,99.
Fassino. Sì.
Consorte. Poi abbiamo due imprenditori privati, Marcellino Gavio e Pascotto che hanno l’1 e mezzo.
Fassino. Insieme?
Consorte. Insieme. Poi ad oggi c’è Unipol che ha il 15.
Fassino. Chi?
Consorte. Unipol. Quindi la prima cosa è che queste quote acquisite sono state acquisite non da noi ma dagli alleati, dagli immobiliaristi, che sono totalmente fuori.
Fassino. Tu adesso che operazione fai dopo questo?
Consorte. Ho lanciato l’Opa (Offerta pubblica d’acquisto, ndr).
Fassino. Hai già lanciato l’Opa obbligatoria?
Consorte. Esatto, questa mattina ho lanciato l’Opa obbligatoria allo stesso prezzo al quale sono state fatte le cessioni delle azioni degli immobiliaristi.
Fassino. 2,7?
Consorte. Esatto, per eliminare ogni tipo di speculazione, che non sono trattati tutti allo stesso modo. La legge ci avrebbe permesso di lanciarla a 2,55...
Fassino. E la Bbva cosa offre?
Consorte. 2,52, ma in azioni, noi offriamo in instant cash.
Fassino. Cazzo.
Consorte. No? Quindi una cosa totalmente diversa e in realtà noi abbiamo già in mano il 51 per cento perché tutti...
Fassino. Perché in realtà noi abbiamo il 15 più 4 delle Coop fa il 19 a noi, e come arrivi al 51 tu?
Consorte. Con le banche più...
Fassino. Ah sì, questa somma qui, fa il 51 certo.
Consorte. Quelle aziende ci hanno rilasciato a noi un diritto ad acquistare le loro azioni dietro nostra semplice richiesta se dall’Opa non dovessero arrivare azioni.
Fassino. Ho capito.
Consorte. Quindi noi come Unipol prendiamo comunque il 51.
Fassino. Ho capito.
Consorte. Se invece dall’Opa ci arrivano le azioni, quelli se le tengono.
Fassino. Se tu arrivi al 51 in altro modo loro si tengono quello.
Consorte. Esatto. Quindi è un’operazione che nessuno aveva né immaginato né pensato.
Fassino. Bene, bene.
Consorte. E abbiamo smontanto l’alleanza con gli immobiliaristi perché non c’è (...) Non siamo noi che abbiamo comprato dagli immobiliaristi. Abbiamo smontato i parvenu che dicevano che era un’azione nazionalistica perché abbiamo tre banche internazionali, la Nomura è la quarta banca nel mondo, la Suisse è tra le prime in Europa...
Fassino. Certo certo.
Consorte. La Deutsche Bank eccetera.
Fassino. Certo certo.
Consorte. Poi abbiamo alleati delle aziende, quindi soci stabili e noi abbiamo il 51. Ecco, poi abbiamo smontato...
Fassino. Possibili ricorsi in sede giudiziaria?
Consorte. Noi ad oggi non ne vediamo neanche uno, ma se li fanno...
Fassino. Cioè il fatto che contestualmente siano avvenute tutte queste cessioni loro lo...
Consorte. Abbiamo proprio costruito così, questo è il concerto fra alleati che le azioni le avevano già in mano. E poi lanci l’Opa, ma guarda caso allo stesso prezzo in cui è stato trattato queste azioni, quindi non hai penalizzato proprio nessuno. E la nostra offerta è decisamente migliore di quella degli spagnoli.
Fassino. Bene, bene.
Consorte. Invece avverrà che io li denuncio tutti, uno per uno.
Fassino. Prima di denunciare aspetta. Prima portiamo a casa tutto.
Consorte. Per noi l’operazione è finita.
Fassino. Loro adesso si scateneranno ancora di più. Ieri hai visto il... No ieri non l’hai visto hai lavorato tutto il giorno, ieri il Sole (il quotidiano Sole24Ore, ndr) ha fatto un’intera pagina contro di me.
Consorte. Ma perché là Piero, questi imbecilli, guardano a quest’operazione in chiave esclusivamente politica.
Fassino. Ma sì, sono dei deficienti.
Consorte. Esclusivamente politica. Questi dicono: cazzo, adesso i Ds, oltre ad avere il mondo cooperativo, oltre ad avere Unipol, oltre ad avere il Monte dei Paschi, che non è così, hanno anche Bnl. Il ragionamento demenziale che fanno è questo qui.
Fassino. Va bene e intanto noi lavoriamo.
Consorte. Però noi andiamo avanti, nonostante...
Fassino. Demenziale?
Consorte. No direi proprio di no. Ma noi sosterremo che è demenziale.
Fassino. Ma no, ma voi avete fatto un’operazione di mercato, quello che ho sempre detto io. Industriale.
Consorte. Industriale e di mercato.
Fassino. Esatto.
Consorte. La verità è indiscutibile.
Fassino. Bene, molto bene.
Consorte. Quindi Piero andiamo avanti.
Fassino. Congratulazioni.
Consorte. Credo che siamo raggiunti...
Fassino. Bravo bravo.
Consorte. Ti ringrazio anche per l’aiuto che ci hai dato, siamo arrivati a un punto importante secondo me.
Fassino. Bene, bene, bene.
Fassino. Ottimo.
Consorte. Ciao Piero, ci vediamo presto.
Fassino. Adesso dovete comportarvi bene. No, un consiglio preoccupatevi bene di come comunicate in positivo il piano industriale.
Consorte. Sì adesso chiamiamo Barabino (la società di consulenza Barabino & Partners, che interpellata smentisce di aver avuto rapporti con Unipol, ndr).
Fassino. Perché il problema adesso è dimostrare che noi abbiamo, che voi avete un piano industriale.
Consorte. No. Ma noi l’abbiamo veramente.
Fassino. E lo so bisogna farlo. Perché fino adesso loro stanno utilizzando l’idea che era soltanto un problema di accaparrarsi la banca e poi però non sanno cosa farne, non è così.
Consorte. Guarda, noi invece sosterremo questa tesi: che loro la banca la stavano svendendo.
Fassino. Esatto.
Consorte. E anche che l’hanno gestita coi piedi deve finire... Bnl è stata gestita coi piedi.
Consorte. No, però quello non lo voglio dire oggi questo lo dirò fra quattro o cinque mesi quando avrò visto dentro. Io adesso dico che era un’operazione che stava svendendo, visti i valori proposti dalla Bbva, la banca agli spagnoli, svuotandola di contenuti perché come tutte le banche, avrebbe portato via tutte le attività qualificate a Madrid e avrebbero ridotto la Bnl a una rete. Noi invece la banca rimarrà a Roma, gli portiamo un milione di clienti, forse un milione e 200, contemporaneamente rilanceremo tutte le attività, gli portiamo Unipol banca e faremo una delle prime quattro o cinque banche italiane. E tutto è dimostrato. Vedremo.
Fassino. Bene.
Consorte. E dopo ci confrontiamo.
Fassino. Bene.
Consorte. Ero sicuro che si poteva parlare. Grazie.
Fassino. Bene, bene. Vediamoci presto.
Consorte. Sì presto.
Fassino. Ti chiamo per fissare la settimana.

La telefonata tra D'Alema e Consorte

D’Alema. Lei è quello di cui parlano tutti i giornali?
Consorte. Guardi, la mia più grande s... io volevo passare inosservato ma non riesco a farcela.
D’Alema. Eh... inosservato, sì!
Consorte. Massimo, ti giuro, il mestiere che faccio io più si passa inosservati e meglio è... niente Massimo, sto provando a farcela... Con l’ingegnere abbiamo chiuso l’accordo questa sera.
D’Alema. Ah!
Consorte. Nel senso che loro ci danno tutto. Adesso mi manca un passaggio importante e fondamentale. Sto riunendo i cooperatori perché sono tutti gasati... Gli ho detto, però, dovete darmi i soldi, non è che potete solo incoraggiarmi.
D’Alema. Di quanti hai bisogno ancora?
Consorte. Di qualche centinaio di milioni di euro.
D’Alema. E dopo ce la fate da soli?
Consorte. Sì, sì.
D’Alema. Tutto da soli.
Consorte. Sì, Unipol, cinque banche, quattro popolari e una banca svizzera.
D’Alema. Ah, ah.
Consorte. E... eh... (parola incomprensibile) lì poi andiamo avanti. Ah no! C’è Hopa, anche Hopa che lo fa. E andiamo avanti, facciamo tutto noi. Avremo il 70% di Bnl.
D’Alema. Ho capito.
Consorte. Secondo te Massimo ci possono rompere i c... a quel punto?
D’Alema. No, no, no. Sì, qualcuno storcerà il naso, diranno che tu sei amico di Gnutti e Fiorani.

La conversazione del 5 luglio 2005

Fassino. Gli... gli altri cosa fa? Perché mi ha chiamato Abete. Consorte. Sì.
Fassino. Chiedendomi di vederci, non mi ha spiegato, cioè voglio parlarti, parlarti a voce, a voce, viene tra un po’.
Consorte. Uhm.
Fassino. Suquel fronte lì cosa succede?
Consorte. Mah, guarda, su quel fronte lì... eh noi con... però tu... ma questa... eh...non gliela devi dire a lui...
Fassino. Ma io non gli dico niente, voglio sapere, voglio solo avere elementi utili per il colloquio.
Consorte. No, no, no. No, no. Ti sto infatti...
Fassino. Sto abbottonatissimo.
Consorte. Eh. No, ma ti dico anche quello che puoi dire e non dire, solo questo.
Fassino. Ecco meglio così. Dimmi tu.
Consorte. Noi, sostanzialmente con gli spagnoli un accordo l’abbiamo raggiunto.
Fassino. Sì. Consorte. Anzi, non sostanzialmente ma di fatto proprio, concreto. Uhm! Naturalmente ci siamo riservati di sentire i nostri organi. (..)
Fassino. Ma sarebbe un accordo che si configurerebbe come? Consorte. L’accordo si configura che noi aderiamo alla loroOps (Offerta pubblica di scambio, ndr)...
Fassino. Eh. Consorte. Loro ci danno il controllo di Bnl Vita.

Il leader Ds: "A Montezemolo ho detto: ora basta, se volete la guerra l'avrete"

Consorte. Pronto?
Fassino. Piero.
Consorte. Oh ciao Piero.
Fassino. E allora?
Consorte. Eh stiamo lavorando per chiudere.
Fassino. Ah, come sta andando?
Consorte. Siamo in 40 qua, cazzo, mi tocca rispondere a 40 quesiti contemporaneamente, io sono solo, un bel casino. Comunque no, secondo me siamo proprio in dirittura d’arrivo. Domani mattina...
Fassino. Domani mattina chiudete?
Consorte. Sì, sì, sì. Domani mattina tra le sette e mezza e le nove.
Fassino. Prima che apra la Borsa...
Consorte. Prima che apra la Borsa. Dovremmo chiudere, dovremmo avere già in mano il 51,8.
Fassino. Bene.
Consorte. Quindi poi appena fatto questo (...) l’iter, io li sto denunciando tutti.
Fassino. Hai visto che attacco furibondo che stan facendo a me, giorno dopo giorno? Guarda è una cosa...
Consorte. Sì, infatti, una cosa incredibile...
Fassino. Oggi ho fatto una telefonata di fuoco a Montezemolo su questo. Gli ho detto «Adesso basta, adesso basta. Volete la guerra l’avrete, dico...».
Consorte. (...) Perché hanno perso...
Fassino. È perché abbiamo messo le mani nel loro mercato.
Consorte. Domani verrà fuori una cosa, adesso te la dico con grande chiarezza, alla quale nessuno di loro ha pensato.
Fassino. E cioè?
Consorte. Noi domani usciremo che le azioni degli immobiliaristi le comprano tre banche mondiali...
Fassino ride.
Consorte. ...che sono la Nomura, la Nomura...
Fassino. Mmm.
Consorte. ...la Deutsche Bank...
Fassino. Ahhh.
Consorte. ...e il Credit Suisse.
Fassino. Quindi non le comprate voi.
Consorte. No, le comprano quattro banche italiane.
Fassino. Sì...
Consorte. Quattro cooperative.
Fassino. Sì.
Consorte. E Hopa.
Fassino. Ma comunque fate una società.
Consorte. No, no, no. Loro comprano il 27,2 per cento.
Fassino. Mmm.
Consorte. E si tengono le azioni.
Fassino. Sì, ma...
Consorte. Io lancio l’Opa (Offerta pubblica di acquisto).
Fassino. Mmm. E le prendi da loro.
Consorte. No, se mi arrivano le azioni dal mercato loro rimangono alleati nostri industriali. Noi arriviamo al 51 e loro detengono il 36.
Fassino. Unipol comunque il 51 ce l’ha.
Consorte. Se non mi arriva dal mercato loro mi hanno già rilasciato, e domani lo comunichiamo al mercato, una call (strumento derivato in base al quale l’acquirente dell’opzione acquista il diritto, ma non l’obbligo, di acquistare un titolo, ndr) per cui ho il diritto in qualunque momento di comprare tutte le loro azioni.
Fassino. Beh è straordinario.
Consorte. Domani saranno esterrefatti. Oggi quando gli ho detto, ai nostri amici cooperatori, quello che mi sono inventato ti giuro mi hanno fatto l’applauso.
Fassino. Comunque la banca ce l’avremo saldamente in mano.
Consorte. Saldamente in mano. Ma questo non se lo aspetta nessuno perché...
Fassino. Bene bene.
Consorte. ...perché vedete... qui il nazionalismo mica il nazionalismo la Banca d’Italia. Noi abbiamo fatto le alleanze con tre banche che diventano socie nostre in Bnl con quattro banche italiane, quindi abbiamo difeso l’Europa, c’abbiamo una banca svizzera una tedesca una giapponese, cazzo più di così sarà difficile no?
Fassino. Bene bene.
Consorte. Quattro banche italiane. C’abbiamo quattro cooperative che, oltre a tutto il resto, sono entrate direttamente.
Fassino. Chi sono, chi sono le quattro?
Consorte. Coop Liguria, Nuova Coop, Gillone mi ha dato una grossa mano a Torino, Coop Estense Modena e Coop Adriatica Bologna.
Fassino. Stefanini?
Consorte. Stefanini, esatto.
Fassino. Bene bene.
Consorte. E quindi domani quando verrà fuori questo non c’è nessuno che neanche ci si è avvicinato a pensare una cosa del genere.
Fassino. Bene, bene, bene, bene Giovanni.
Consorte. Abbiamo messo fuori tutti gli immobiliaristi Piero.
Fassino. Ehhh.
Consorte. Completamente.
Fassino. Guarda io sono proprio incazzato perché anche oggi Il Sole 24 ore una pagina intera... Sono dei veri figli di puttana.
Consorte. No guarda, sono dei figli di puttana perché le hanno provate tutte, a denigrarci eccetera. Adesso quando è finito... Io da domani posso parlare.
Fassino. E bisognerà anche spiegare che tu hai preso una banca che è un colabrodo (...) come l’ha gestita quel deficiente.
Consorte. Adesso guarda, piano piano, ma con un po’ più di classe, in realtà non ci vuole molto ad avere un po’ più di classe di ‘sti beceri, noi piano piano diremo tutto. Abbiamo fatto un progetto industriale della Madonna.
Fassino. Mmm.
Consorte. Che noi possiamo fare perché abbiamo 6 milioni e 300mila clienti qui, i baschi no, i baschi volevano svendere Bnl, lo diremo. Nel senso che la testa pensante è a Madrid e Bnl diventava solo una succursale e una rete.
Fassino. Infatti.
Consorte. Invece noi vogliamo farla diventare tra le prime tre banche italiane.
Fassino. Bene.
Consorte. Quindi...
Fassino. Senti invece, questa storia che ho letto sui giornali... Gavio... ci sono dentro?
Consorte. Gavio entra con uno 0,5, Marcellino Gavio.
Fassino. Insieme a Bonsignore...
Consorte. No Bonsignore esce.
Fassino. Esce? Come mai lui entra?
Consorte. Gavio entra perché ha capito che l’aria cambia e siccome lui ha Impregilo vuole lavorare con le cooperative.
Fassino. Capito.
Consorte. Non c’è nessuno che fa niente per niente Piero a ‘sto mondo. Siamo rimasti in pochi secondo me.
Fassino. Chiaro chiaro. Va bene.
Consorte. Però adesso lavoreremo tutta la notte perché praticamente quello che deve avvenire è che tutte queste operazioni Piero siano baciate domani, capito?
Fassino. Sì, che nessuno poi faccia... Che non si apra un contenzioso.
Consorte. No, soprattutto noi dobbiamo avere il 51,8 domani.
Fassino. Domani, perfetto.
Consorte. E poi lo dichiariamo.
Fassino. Va bene.
Consorte. Ciao Piero.
Fassino. Chiamami domani.
Consorte. Sì. Senz’altro.
Fassino. Ciao, auguri. Saluta Sacchetti.

"Ho parlato con Consob, sono tranquilli, va bene"

(...) Fassino. Ho visto che mi avevi cercato, ma ero occupato...
Consorte. Si perché oggi è stata una giornata... E lo sapevano perché so che sei andato anche alla manifestazione lì a Roma.
Fassino. Com’è andata?
Consorte. Ma è andata bene oggi ho incontrato Cardia con tutti lì i dirigenti della Consob e io gli ho spiegato quello che vogliamo fare. Gli ho detto che diciamo ci sono i presupposti per un accordo e che poi... ci stiamo orientando, anche se non c’è una decisione, a fare una contro Opa cash. Loro molto tranquilli contenti. Mi hanno detto va bene.
Fassino. Scusa, domanda domanda da profano.
Consorte. Sì.
Fassino. Il ratios l’avete guardato ovviamente. Siamo tranquilli su quel fronte lì?
Consorte. Il... scusa?
Fassino. Il ratios.
Consorte. Sì, sì, sì.
Fassino. Siamo tranquilli.
Consorte. Ah, ma noi lanciamo quando abbiamo in mano il 51.
Fassino. Mmm.
Consorte. Eh se no non lo facciamo, Piero. Noi abbiamo già in mano il 51. Per cui se ci danno 0 o 49 diciamo... Dovrei augurarmi che mi danno il meno possibile perché sborso meno soldi.
Fassino. Ho capito.
Consorte. Capito?
Fassino. Va bene.
Consorte. Se no non ci saremmo sbilanciati. Quindi, noi diciamo lunedì siamo a Roma caso mai facciamo un salto. Se sei libero ti veniamo a trovare.
Fassino. Lunedì ci sono, ci sono anche lunedì.
Consorte. Perfetto, allora lunedì ti veniamo a trovare.
Fassino. Fino a un certo punto, quando avete un attimo...
Consorte. Sicuramente, sicuramente. Grazie di tutto.
Fassino. No, niente, speriamo di andare in porto.
Consorte. Eh oh, Piero, ce la stiamo mettendo tutta.
Fassino. Siamo in piena guerra. Poi bisogna che parliamo perché siamo in piena guerra con Siena Siena.
Consorte. Ah Siena è un casino eh Piero, veramente. Io ‘sta gente veramente...
Fassino. Ieri è scoppiato un casino, sull’intervista hanno scatenato un casino. Ma qui siamo in piena guerra.
Consorte. Ma cosa vogliono? Cioè...
Fassino. Ma non lo so. Bisogna ragionare perché...
Consorte. Cioè sono...
Fassino. Bisogna passare al contrattacco.
Consorte. Sì, perché sono agitati, ma noi non stiamo facendo niente.
Fassino ridacchia.
Consorte. È una roba veramente incomprensibile.
Fassino. Veramente incomprensibile. Vabbè.