Tutte le strade della conoscenza

Mai come in questo ultimo periodo -
sull’onda del processo che
in Pennsylvania vede di fronte la Corte
federale di Harrisburg e il comitato
scolastico del distretto di Dover
per l’insegnamento nelle scuole
della teoria darwinista - anche nella
stampa italiana si è tornati a discutere
ampiamente di evoluzionismo.
Accantonata per principio ogni
«tentazione» di tipo creazionista,
il Giornale vuole contribuire alla
discussione, piuttosto, sui possibili punti
deboli del cosiddetto neo-darwinismo.
Per farlo, abbiamo messo a confronto
il genetista Steve Jones (docente
di genetica alla University College
di Londra e autore di diversi libri sulla
biologia e sull’evoluzione tra i quali
il nuovo Quasi una balena, Codice
Edizioni, definito dallo stesso autore
un aggiornamento de L’origine delle
specie di Charles Darwin),
e Roberto Fondi, docente di paleontologia
all’Università di Siena, su posizioni
decisamente critiche rispetto
al paradigma darwinista.