Tutte le università del mondo in una libreria

L'idea è buona, anzi, ottima, e ci si chiede come mai non sia venuta in mente a nessuno prima: fare scouting sui migliori testi accademici internazionali, per ora specialmente di lingua anglosassone, selezionarli, tradurli e proporli non più solo a professori e studenti universitari, che da anni li leggono in lingua originale, ma anche ad un pubblico più vasto, di professionisti, giornalisti o semplici curiosi. Metterli sul mercato perché servano da stimolo ad allargare il respiro di temi e dibattiti. Aprire, insomma, un'altra porta, troppo poche sono ancora, verso una reale globalizzazione della cultura, così lontana dall'indistinto melting pot, così vicina allo scambio mitteleuropeo novecentesco che ne fu il primo modello. Il promotore si chiama Ledizioni ed è la casa editrice appena nata dall'esperienza e dalla rete di contatti della libreria Ledi di Milano, una delle più antiche e insieme innovative realtà legate al libro della città. Aperta al pubblico in Porta Vittoria nel 1935 da Ingo Weihs - attore e intellettuale austriaco amante della cultura italiana, ebreo giunto a Milano in fuga dal regime nazista - la libreria fu bombardata dagli alleati e quando riaprì nell'immediato dopoguerra si specializzò nella fornitura per corrispondenza di edizioni straniere e rare a studiosi e biblioteche.
Oggi è completamente informatizzata - dal 2002 vende anche online -, fornisce testi a 500 tra biblioteche e università, tra cui la Sorbonne di Parigi e la Columbia di New York, la Braidense (per cui ha trattato l'acquisto di 100 disegni di Lalla Romano), la Sormani (per cui ha importato 3 lettere autografe di Stendhal), Cà Foscari e la biblioteca del Senato della Repubblica; ha appena aperto la nuova sede, punto di riferimento per la ricerca di testi di tutte le università metropolitane (in Via Alamanni 11, con uno spazio esterno per eventi e presentazioni) e concretizza il suo progetto editoriale, portato avanti da Eleonora Weihs e Nicola e Lorenzo Cavalli, figlia e nipoti di Ingo: "Per la nostra nuova casa editrice, Ledizioni, abbiamo previsto venti uscite e due nuove collane per il 2010, la riedizione a tirature limitate di libri esauriti da tempo, la pubblicazione di tesi di dottorato e monografie di ricerca di giovani universitari e un sito dedicato agli ebook reader (Errore. Riferimento a collegamento ipertestuale non valido.). Le traduzioni delle novità vengono in alcuni casi concordate con l'editrice universitaria straniera prima ancora che il saggio sia pronto nella sua lingua d'origine: è il caso dello studio sociologico sullo shopping di Jenny Shaw, pronto per l'estate 2010, in modo da seguire in anteprima le linee di ricerca accademiche internazionali". La prima novità Ledizioni per Natale è invece il saggio della "guru" del MIT di Boston Sherry Turkle, "La vita nascosta degli oggetti tecnologici", che mette in guardia dal finto rapporto affettivo che si crea con "macchine" come computer, telefonini, robot, videogiochi, social network.