Tutti in attesa del Consiglio di Stato ma l’assessore non sa fare ricorso

«Dilettanti allo sbaraglio» se la ride Cristina Morelli la capogruppo dei Verdi. E son grasse risate per tutti, nell’ennesima commissione regionale che si occupa di caccia. Si vota la proposta di legge dei Ds che deve chiudere il tormentone su storni e fringuelli. La Margherita spiega che non ha senso votarla ora, perché «stiamo aspettando che il Consiglio di Stato approvi o bocci la sospensione del Tar sulle due delibere di giunta». Prende la parola Franco Orsi, Forza Italia: «Se sappiamo quando è stato presentato il ricorso possiamo fare una stima sui tempi». L’assessore Giancarlo Cassini sgrana gli occhi: «Ma no, il ricorso non c’è ancora, perché lo si può presentare solo dopo 20 giorni dalla sentenza del Tar». Orsi e il leghista Francesco Bruzzone si guardano, poi sbottano: «Guardi che è il contrario: lei ha 20 giorni di tempo, il ventunesimo sarà tardi». Il Tar si è espresso il 20 ottobre. Oggi è sabato, domani è domenica. Lunedì sarà il diciottesimo giorno. E se nessuno glielo avesse detto?